Roma. Auto sulla folla. Il sindaco: no al razzismo

Roma. Auto sulla folla. Il sindaco: no al razzismo

Il sindaco di Roma Ignazio Marino ha avvertito del pericolo di cadere nella razzismo, “trappola” innescata da una micidiale sequenza di avvenimenti causati da adolescenti Rom in cui una donna è morta e otto persone sono rimaste ferite, almeno tre in modo grave, dopo un inseguimento della polizia Mercoledì sera.
“Roma non sarà trascinata in un basso sfruttamento elettorale”, ha detto. “Alcuni – come Matteo Salvini e suoi imitatori romani – vogliono… fomentare l’odio con il rischio di scintille e ulteriori violenze”. Ha detto Marino
“Gettare benzina sul fuoco è … un crimine a titolo definitivo,  è imperdonabile da parte di chiunque abbia responsabilità locali o nazionali “, ha detto.
Il sindaco ha parlato dopo che alcuni adesivi razzisti sono apparsi a Roma, in zona Boccea, non lontano dalla fermata dell’autobus dove l’incidente causato dai giovani rom ha ucciso una 44 enne filippina che era in attesa dell’autobus.
“Ladra assassinano zingaro”, c’era scritto su un adesivo.
All’inizio della giornata la famiglia di uno dei due minori ricercato per l’incidente ha chiesto perdono alle vittime. “Vogliamo dire alla famiglia della vittima e a tutti i feriti che ci dispiace”, hanno detto. “Se potessimo incontrarli, vorremmo chiedere il loro perdono”.
La sorella di uno dei due minorenni rom ricercato ha detto che il fratello “non risponde al telefono”.
“Non sappiamo dove si trova,” ha detto. “Se si fa vedere lo prendiamo e lo portiamo noi al magistrato”.
La polizia della capitale ha lanciato una massiccia caccia all’uomo per la coppia di Rom.
I due minorenni sono fuggiti a piedi, ma la polizia ha arrestato una ragazza di 17 anni, di etnia rom che era in macchina con loro. L’adolescente non era probabilmente alla guida, ma gli investigatori ancora la considerano in parte responsabile di quanto accaduto.

La ricerca

La polizia sta concentrando la ricerca dei sospetti vicino ai campi Rom della capitale dove i due ragazzi abitano.
Tre dei feriti sono ricoverati in ospedale in condizioni critiche.
L’incidente ha scatenato un’ondata di rabbia razzista e minacce sui social media, portando le autorità cittadine ad aumentare la sicurezza vicino ai campi Rom della capitale, mentre Salvini ha ripetuto il suo precedente appello per mandare i bulldozer sui campi per eliminarli e mandare via chi ci abita.
“Quando torneremo al governo faremo piazza pulita di tutti questi campi rom ”  ha promesso Salvini sul suo profilo Facebook

Le indagini. Il padre: “sono stato io”

La situazione è estremamente delicata. Nella giornata di ieri il padre di uno dei due ragazzi in fuga ha detto a tutta la stampa che è lui il colpevole, che guida sempre ubriaco e che devono arrestare lui, ma pare evidente che è un debole tentativo di salvare il figlio dalla cattura. Nessuna indagine al momento è stata avviata verso l’uomo. L’uomo, per gli investigatori, starebbe cercando di depistare l’inchiesta e non sarebbe l’unico.

La zingara di diciassette anni che era sulla macchina, fermata poco dopo l’incidente, è riuscita acrobaticamente a non dire niente di preciso sull’identità delle persone a bordo. Uno dei fuggitivi potrebbe essere il compagno rom da cui ha un figlio di dieci mesi, ma lei non è sicura. L’altro potrebbe essere un fratello di lui, ma non è detto. Perché scappassero, chi lo sa. Al che gli uomini della Squadra Mobile, capita l’antifona, hanno ordinato l’arresto della giovane per concorso in omicidio volontario.

Uno dei fuggiaschi, di cui non si conoscono le generalità, sarebbe il “marito” della giovane in arresto e ha sicuramente meno di diciotto anni: il suo nome è stato iscritto nel registro degli indagati dalla Procura dei Minori. Gli identikit dei sospettati sono stati diramati a tutte le frontiere anche se gli investigatori ritengono che i due siano ancora a Roma. «Non avranno scampo, li prenderemo – ha detto il ministro dell’Interno Angelino Alfano – Pagheranno caro e fino in fondo».


Articoli correlati

Alitalia in vendita. Il decreto e i testi della discussione originali

E’ stata messa in vendita quando il governo in carica era ancora quello di Gentiloni, ma il decreto passato più

Nuove sterline inglesi. Tecnologicamente avanzate Made in Italy

La Banca d’Inghilterra ha appena emesso la prima banconota da 5 Pound con l’effigie del leggendario primo ministro Winston Churchill.

Fazio: vi racconto il 25 aprile insieme a Saviano e Paolini

Il 25 aprile 2015 ricorrerà il 70esimo anniversario di una data storica, che ha segnato in modo indelebile la vita