Renzo Piano pensa al nuovo ponte di Genova

Renzo Piano pensa al nuovo ponte di Genova

Renzo Piano e Genova, un amore lungo una vita, dopotutto è nato nel capoluogo ligure 80 anni fa. Suo il rinnovamento avuto con il Porto antico che ora è il salotto sul mare della città, che ha riportato ampie zone ormai in disuso al centro della vita dei genovesi e dei tanti turisti.

Ora Renzo Piano pensa al Genova dopo aver assistito da Ginevra, dove si trovata il 14 agosto, alla tragedia del ponte Morandi.

Quello del ponte è un tema che tocca tutti e tutte le corde: da quella tecnologica a quella poetica” ha detto l’architetto genovese.

Renzo Piano in Regione

Si è incontrato con il governatore della Liguria Giovanni Toti e con il sindaco Bucci, hanno parlato nelle sale della Regione in piazza De Ferrari e hanno discusso dell’idea di ponte che secondo Renzo Piano deve portare i segni della tragedia ma anche i punti di rinascita della città. Una città che Piano reputa importante che si evolva ma non può più farlo ne verso il mare ne verso la montagna e quindi: “Ho lavorato sempre sul tema delle periferie, un’area di trasformazione, industriale e ferroviaria, un’area di straordinaria importanza per la citta’, Genova non puo’ pensare di crescere ne’ verso mare ne’ verso monte, quindi l’area dove passava il ponte ha un grande valore urbanistico“.

La Val Polcevera di Genova dal satellite

Gli sfollati di Genova

I dirigenti hanno parlato anche di quanto succede nella città dopo la tragedia. Delle centinaia di sfollati che ora aspettano con ansia le loro nuove case, visto che quelle sotto i monconi del ponte non possono essere usate per pericolo di crolli. Al momento sono 74 gli appartamenti messi a disposizione da privati cittadini genovesi per gli sfollati di ponte Morandi. Nell’elenco, reso pubblico dal Comune di Genova ci sono abitazioni considerate funzionali alle esigenze dei cittadini sfollati da via Porro e via Del Campasso.

Sui tempi della ricostruzione infine, l’architetto genovese ha affermato di non credere “ai tempi record”: “Credo nei tempi giusti. Bisogna fare presto, ma non in fretta”.


Articoli correlati

Uffizi chiusi, non c’è aria condizionata

“L’Arno è molto basso e non fornisce al 100% le cisterne di alimentazione dell’aria condizionata. Il sistema non ha guasti,

Cannabis medicinale: l’Australia punta a diventare il principale esportatore

L’Australia prevede di modificare i suoi regolamenti per entrare in Canada e nei Paesi Bassi nella vendita di prodotti oltre

Sarah Sanders, addetta stampa di Trump cacciata da un ristorante in Virginia

L’addetta stampa della Casa Bianca Sarah Sanders è stata cacciata da un ristorante perché lavora per Donald Trump. I social