Trizio Consulting

Regionali 2020 Liguria: si vota oggi e domani

Regionali 2020 Liguria: si vota oggi e domani
Trizio Consulting

Si vota oggi e domani in Liguria, per le Regionali 2020, chiamate a sancire chi prenderà il posto del presidente uscente Giovanni Toti o se lo stesso verrà confermato per un secondo mandato.

Una votazione molto importante sulla quale i cittadini liguri sono chiamati ad esprimersi in concomitanza con il voto sul referendum confermativo sul taglio dei parlamentari.

In Liguria quella alla presidenza della regione è una corsa a 10: insieme al governatore uscente sono infatti in lizza Carlo Carpi, Ferruccio Sansa, Marika Cassimatis, il governatore uscente Giovanni Toti, Davide Visigalli, Giacomo Chiappori, Riccardo Benetti, Aristide Fausto Massardo, Alice Salvatore, Gaetano Russo.

Questa tornata elettorale assume anche una discreta importanza sociale, essendo la prima che la Liguria e l’Italia intera affrontano nel corso della pandemia di Coronavirus.

In base alle norme anti-covid, gli elettori devono presentarsi al proprio seggio elettorale con mascherina, tessera elettorale e carta di identità e sottoporsi dove e quando richiesto all’igienizzazione delle mani.

E’ stata data la possibilità di votare anche a coloro affetti da Covid-19. Sono state 33 le persone che fino ad ora a Genova hanno richiesto di poter usufruire della possibilità di votare a domicilio perché in isolamento o quarantena per via del coronavirus: una domanda che doveva essere fatta attraverso richiesta formale al Comune con certificazione da parte della ASL che confermava la presenza di infezione da Covid.

Per ciò che concerne le Regionali 2020, in Liguria per la prima volta quest’anno si vota senza il listino del presidente e con la doppia preferenza di genere. E’ previsto inoltre il voto disgiunto.

Come già anticipato in Liguria e nel resto d’Italia si voterà anche per il referendum confermativo relativo al taglio dei parlamentari. Se il voto confermerà la decisione, si passerà da 630 a 400 seggi alla Camera e da 315 a 200 seggi al Senato.

Lo spoglio inizierà lunedì dopo le 15, partendo dalle schede relative al referendum per poi passare a quelle delle Regionali e delle amministrative dei 16 comuni della regione interessati.