Raoul Bova. Chiesto un anno di reclusione

Raoul Bova. Chiesto un anno di reclusione

Una condanna ad un anno di carcere è stata sollecitata dalla Procura di Roma nei confronti dell’attore Raul Bova accusato di “dichiarazione fraudolenta mediante artifici”, reato di natura fiscale. La richiesta è stata fatta oggi davanti al giudice monocratico del tribunale di Roma davanti al quale si svolge il processo che vede imputate anche la sorella dell’attore, Daniela (sollecitata una condanna ad un anno e quattro mesi) e la sua ex moglie Chiara Giordano (chiesto un anno di carcere). Secondo i pm, Bova avrebbe trasferito alcuni costi alla società che gestisce la sua immagine, la Sammarco Srl, con un gioco finanziario. Dalla simulazione della cessione di alcuni diritti sui film alla simulazione dell’esistenza del diritto a ottenere sgravi fiscali, il tutto finalizzato a eludere il fisco, pagando un’aliquota Iva più bassa. Avrebbe evaso così quasi 700mila euro tra il 2005 e il 2011.


Articoli correlati

MED 2018: Trenta, uniti per sconfiggere definitivamente l’ISIS

Daesh non è scomparso ma, sotto l’insostenibile pressione dei suoi avversari, è come se fosse evaporato trasformandosi da presenza visibile

Berna. Strage familiare. Morti tre napoletani

La tragedia si è consumata in un attimo, poco prima dell’alba. Alle 5,15 di ieri qualcuno ha chiamato il numero

Processo contro Scajola e De Gennaro caduto in prescrizione

La corte di Bologna ha dichiarato che il processo contro l’allora ministro degli Interni Claudio Scajola e l’ex capo della