Pompei, dall’8 luglio al via le visite notturne

Pompei, dall’8 luglio al via le visite notturne

E’ stato inaugurato il 3 luglio il percorso di suoni e luci “Una notte a Pompei”, realizzato e promosso da Parco Archeologico di Pompei ed Enel Italia, in collaborazione con il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Regione Campania e Scabec – Pompei, Parco Archeologico di Pompei, Terrazza Antiquarium.

La nuova illuminazione del Foro, della Basilica, delle Terme Suburbane, fino a Porta Marina consentirà, a partire dall’8 luglio, l’apertura notturna del sito e suggestive visite notturne pensate come viaggi narrativi ed emozionali di luci e audio in più tappe.

“Il nuovo impianto di illuminazione di Pompei – ha dichiarato il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo Dario Franceschini, presente alla cerimonia di inaugurazione insieme al  Ministro per la Coesione Territoriale e il Mezzogiorno, Claudio De Vincenti – è un altro importante passo della rinascita di un sito archeologico unico al mondo, un percorso che in tre anni ha permesso di restituire al pubblico 30 domus, di dotare l’intera area archeologica di copertura Wi-Fi e di realizzare un itinerario di tre chilometri che consente la piena accessibilità a parte rilevante degli scavi. Grazie al suggestivo gioco di luci, le linee e le forme delle rovine risplendono ora di una rinnovata bellezza”.

“La rinascita di Pompei – ha dichiarato il Ministro De Vincenti – è fondamentale anche per l’immagine internazionale del Paese. Ora dobbiamo farne un punto di riferimento per lo sviluppo di tutto il territorio, collegando Pompei con Ercolano, Stabia, Torre Annunziata. Questa è una delle zone più belle del mondo, bisogna valorizzarla”.

Le visite si terranno dall’8 luglio al 24 agosto ogni martedì e giovedì, con un’apertura straordinaria di sabato per il primo fine settimana.


Articoli correlati

Gilet Gialli. Nuovi scontri sugli Champs-Elysees

Nella Place de l’Étoile, c’è una “strana atmosfera” che predomina in tarda mattinata. Con tutti gli accessi chiusi, i manifestanti

Genova. Ponte Morandi: Autostrade e Ministero sapevano

Il crollo del ponte Morandi a Genova inizia ad avere aspetti davvero inquietanti. Dei documenti provano che dal febbraio 2018

I Gilet gialli: “le donazioni di Notre Dame usatele per combattere la povertà”

FOTOSTORIA 1 miliardo raccolto per aiutare a ricostruire Notre Dame devastata dal fuoco questo ha scatenato l’indignazione tra i manifestanti