Parigi, progettava attentati contro chiese. Arrestato

Parigi, progettava attentati contro chiese. Arrestato

23 anni, algerino e dotato di un grosso arsenale di armi da guerra. Si tratta di un giovane fondamentalista islamico, arrestato a Parigi e già noto ai servizi per attività radicali. L’arresto è avvenuto domenica scorsa, da quanto dichiarato dal ministro dell’Interno francese Bernard Cazeneuve.

Inizialmente indagato per l’omicidio di una istruttrice di fitness rinvenuta morta nella sua auto, il giovane algerino è stato poi ritrovato in possesso di armi e di progetti di attentati contro delle chiese. La scoperta dei progetti è avvenuta per caso, dopo il fermo del ragazzo.

Come se non bastasse, si allarga inoltre la cerchia dei presunti complici di Amedy Coulibaly e dei fratelli Kouachi, che ricordiamo essere gli autori delle stragi jihadiste avvenute a Parigi all’inizio dell’anno, il 7 e il 9 gennaio. Da quanto rivelato da Le Monde, un gruppo di presunti complici sarebbe stato scoperto, poco dopo gli attacchi, intenti a procurarsi materiale bellico, come gilet anti-proiettile, coltelli, guanti e taser. Ma la cerchia dei complici non si chiuderebbe qui. Altri sette sono, infatti, gli indagati per fatti legati ad azioni terroristiche e attualmente in fermo provvisorio. Tra i numerosi sospettati di aver aiutato Coulibaly figurano i nomi di: Willy P., Christophe R., Tonino G., Nezar A., Amar R., Saïd M. e Ali Riza P.

A far parte di questo groviglio di complici sarebbero tutti quindi ragazzi giovani, non oltre i 30 anni di età. Un fattore decisamente allarmante.


Articoli correlati

Pokemon go e problemi di server. In vendita account di alto livello

Quattro anni fa, uno sviluppatore poco conosciuto chiamato Niantic creò Ingress. Era un gioco mobile basato sui luoghi reali, un gioco che pose le

Donald Trump sblocca gli utenti del suo account Twitter

Il presidente Donald Trump – o chiunque abbia accesso al suo account Twitter – ha trascorso parte della serata di

Elezioni Spagna. Vince Rajoy, male socialisti. Beffa Podemos

Le elezioni in Spagna non superano la situazione complicata che ha già provocato una nuova chiamata alle urne dopo appena