Onu: Regno Unito dovrebbe ripensare i piani per deportare i richiedenti asilo in Ruanda

SPONSOR
Expoitalyart

Il nuovo capo delle Nazioni Unite per i diritti umani ha esortato il governo britannico a riconsiderare i suoi piani per deportare i richiedenti asilo in Ruanda , avvertendo che in passato simili schemi di “offshoring” avevano portato a un trattamento “profondamente disumano” dei rifugiati.

Nei suoi primi commenti pubblici sulla controversia da quando è entrato in carica due mesi fa, Volker Türk ha respinto la descrizione del primo ministro Rishi Sunak dell’accordo da 140 milioni di sterline come “buon senso”, affermando che oltre ad essere legalmente ed eticamente problematico era anche “molto costoso ” ed è improbabile che funzioni.

“Non puoi delegare le tue responsabilità a un altro stato, ha detto Türk: “Solleva preoccupazioni molto serie, sia dal punto di vista dei diritti umani internazionali che del diritto internazionale dei rifugiati”.

L’alta corte ha stabilito che il piano dei conservatori di inviare persone in cerca di protezione nel Regno Unito in Africa centrale era legittimo, respingendo una contestazione di richiedenti asilo ed enti di beneficenza.

La vittoria è stata parziale, poiché i giudici hanno anche affermato che il governo non ha “considerato adeguatamente le circostanze” di otto persone che aveva cercato di deportare a giugno, in un caso confondendo i fatti relativi ad un curdo siriano con un altro siriano.

Il ministro degli Interni, tuttavia, ha rapidamente annunciato la sua intenzione di portare avanti la partnership “su larga scala e il prima possibile”. Suella Braverman ha affermato di essere stata sostenuta dalla “stragrande maggioranza del popolo britannico” nel suo desiderio di vedere la fine delle bande di contrabbandieri che facilitano l’attraversamento della Manica dei richiedenti asilo.

Più di 40.000 persone hanno attraversato la Manica su piccole imbarcazioni nel 2022, il numero più alto da quando si è iniziato a raccogliere dati nel 2018. Il viaggio è pericoloso: la scorsa settimana quattro persone sono morte dopo che la loro imbarcazione si è trovata in difficoltà al largo della costa del Kent.

Türk, che è succeduto a Michelle Bachelet come alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani a ottobre, ha detto che ci sono “modi e mezzi” con cui i governi possono affrontare le bande di contrabbandieri e garantire che chi ha bisogno di protezione la riceva.

Ma il programma del Ruanda probabilmente non farebbe né l’uno né l’altro, ha aggiunto.

“La misura del Regno Unito serve a coloro che hanno bisogno di protezione internazionale per i rifugiati e contrasta coloro che non lo sono? Ne dubito molto – ha concluso Turk.