Trizio Consulting

Ohio. Prima elezione con il coronavirus

Ohio. Prima elezione con il coronavirus

In Ohio si terranno le elezioni primarie, una partecipazione praticamente tutto per posta che potrebbe servire da banco di prova per il voto nell’era del coronavirus.

A causa delle preoccupazioni per la salute pubblica, il governatore ha riportato indietro la data delle primarie, originariamente prevista per il 17 marzo, al 28 aprile e ha fortemente ridotto il voto di persona.

È un assaggio di come potrebbe apparire il voto presidenziale a novembre se COVID-19 rimane una minaccia. Ma alcuni elettori, funzionari elettorali e controllori dei diritti di voto sono già allarmati: il sistema dell’Ohio è stato travolto dalle richieste di votazioni, una situazione che potrebbe privare il diritto di decine di migliaia di elettori.

Sono qui da 20 anni e non ho mai visto niente del genere“, ha detto Brent Lawler, dirigente del consiglio di amministrazione della contea di Cuyahoga, sede di Cleveland e di elettori registrati più di qualsiasi altra contea dell’Ohio.

Più di 1,9 milioni di elettori dell’Ohio hanno chiesto di votare nelle primarie, un aumento del 421% dall’affluenza rispetto le primarie del 2016, secondo i dati delle elezioni statali.

Gli uffici elettorali dello stato erano tenuti per legge a inviare le schede a tutti gli elettori.

Ma molte di quelle schede probabilmente non arriveranno nelle caselle di posta degli elettori in tempo, il Servizio Postale degli Stati Uniti ha avvertito in una e-mail del 20 aprile inviata ai funzionari elettorali nelle 88 contee dell’Ohio. Gli elettori devono restituire le loro schede di voto con un timbro postale entro e non oltre oggi affinché possano essere conteggiati, secondo le regole elettorali stabilite dal governo.

Esiste una forte probabilità che i tempi per l’invio delle schede elettorali possano non consentire agli elettori il tempo necessario per ricevere il voto e restituirlo per posta in tempo per rispettare la scadenza del timbro postale dello stato“, ha dichiarato l’e-mail del servizio postale degli Stati Uniti.

Inizialmente l’Ohio ha limitato il voto elettorale di persona per le persone con disabilità e chiunque non abbia un indirizzo dove ricevere la posta. Il 17 aprile il Segretario di Stato ha consigliato ai funzionari elettorali di consentire agli elettori che non hanno ricevuto le loro schede di voto di presentare votazioni provvisorie di persona, che devono essere valutate dai funzionari per garantirne la validità.

Ma ci sarà un solo seggio elettorale in ogni contea, rendendone difficile l’accesso per molti residenti e aumentando la prospettiva di lunghe code. Al contrario, l’Ohio ha avuto più di 4.000 seggi elettorali nelle elezioni generali del 2016 e del 2018, secondo la US Election Assistance Commission.

La residente di Columbus, Carly Young, ha detto domenica che stava ancora aspettando il suo scrutinio, nonostante avesse inviato la sua candidatura il 13 aprile.

In un certo senso, sono contento che siano avvenute queste elezioni, perché le prossime elezioni – oh mio Dio, non so cosa farei se non potessi votare“, ha detto.

Gli elettori dell’Ohio hanno scelto tutti i vincitori delle elezioni presidenziali dal 1960. L’elettorato è visto come una sezione trasversale della politica americana, dai democratici culturalmente conservatori che hanno disertato dal loro partito per sostenere il repubblicano Ronald Reagan negli anni ’80.

Il democratico Barack Obama vinse nel 2008 e nel 2012. Ma la vittoria di otto punti del repubblicano Donald Trump su Hillary Clinton nel 2016 ha dimostrato la profondità del sostegno repubblicano nello stato.