Neve “gelida come la morte” ridacci i nostri figli

Neve “gelida come la morte” ridacci i nostri figli

La natura è bella, è amica dell’Uomo, dei fiori, del mare, quale pensiero contorto e perverso, Neve, ti ha fatto diventare furiosa, cattiva, perversa e crudele, tanto da aggredire uomini, donne, ma quel che più conta, accanirti con gli innocenti, con chi non ti ha mai fatto del male?

I bambini, piccoli esseri innocenti, felici di andare in vacanza, con mamma, papà, con gli amichetti!

Hai voluto vendicarti degli adulti, delle cattiverie? Brutta pappagalla crudele!

E perché? Per invidia? La neve, dall’aspetto immacolato, bianca, dall’aspetto innocente, anche lei ha sporcato il mondo di rosso, rosso sangue, perché sangue era il colore con cui la candida neve si è saputa macchiare. Perché?

Dio, diccelo tu, per poterla perdonare. Loro, i bambini, nella loro innocenza l’hanno già perdonata.

Noi no!

Giada Ray


Articoli correlati

Roma. Marocchino colpisce alla gola un uomo credendolo italiano

Un marocchino ha accoltellato un georgiano nei pressi della stazione Termini, a Roma. I due, senza fissa dimora, avrebbero litigato

Continuare

Di Massimo Vittorio Fadini Il problema di continuare a scrivere è lo stesso continuare della vita. La vita non puoi

Barcellona, furgone contro folla sulla Rambla: diversi feriti e almeno due morti

Due persone armate sono trincerate in un ristorante turco del mercato della Boqueria, sulla Rambla, riferisce la tv pubblica Rtve.