Mafia Capitale, nuova serie di arresti

Mafia Capitale, nuova serie di arresti
Il sindaco Ignazio Marino

Mafia Capitale, il sindaco Ignazio Marino

Roma, 4 giugno – Una nuova ondata di arresti scuote il mondo politico romano, nel secondo capitolo dell’inchiesta Mafia Capitale, condotta dalla procura di Roma e dai carabinieri del Ros. Sono in tutto 44 gli arresti, eseguiti nel Lazio, in Sicilia e in Abruzzo per associazione a delinquere e altri reati.

Sullo sfondo il business legato ai flussi migratori e alla gestione dei campi di accoglienza per migranti. Tra gli arrestati ci sono anche l’ex presidente del Consiglio Comunale di Roma, Mirko Coratti e Luca Gramazio.

Numerose le registrazioni telefoniche ascoltate dalle autorità: da qui emergono tutti i procedimenti e i patti stretti per coordinare il lavoro. Nell’ordinanza di custodia cautelare, emessa su richiesta della procura distrettuale antimafia di Roma, vengono ipotizzati a vario titolo i reati di associazione di tipo mafioso, corruzione, turbativa d’asta, false fatturazione, trasferimento fraudolento di valori e altro ancora. Ci sono anche 21 persone indagate, al momento a piede libero.

Subito si sono sentite le reazioni; la Cei, tramite il segretario generale mons. Nunzio Galantino, ha dichiarato: “Lucrare sugli immigrati è inciviltà.” Il sindaco di Roma, Ignazio Marino, è intervenuto: “Non mi dimetto. Arresti in maggioranza? Bene se colpevoli.” Ha poi aggiunto: “Dimissioni? Continuiamo in questo modo. Stiamo cambiando tutto.”

Salvini, segretario federale della Lega Nord, continua la sua campagna e scrive sul profilo Facebook: “Mafia capitale, altri 44 arresti per il business degli immigrati. Fermare subito le partenze e gli sbarchi, bloccare subito tutti gli appalti! Altro che buono, accoglienti e solidali… sono ladri! Renze e Alfano spargono clandestini negli alberghi di mezza Italia, capito chi ci guadagna?”.


Articoli correlati

Costa Concordia. La storia del naufragio

La nave da crociera Costa Concordia affondò dopo aver colpito la scogliera presso l’isola del Giglio, in Toscana, il 13

Migranti: Ue, progressi ma tanto da fare

Al Consiglio europeo della settimana scorsa sono stati raggiunti dei “progressi ma resta molto da fare”. Così Margaritis Schinas, portavoce

De Luca vuole denunciare Rosy Bindi per diffamazione

Roma, 29 maggio – Il candidato del PD a governatore della regione Campania Vincenzo De Luca ha dichiarato la sua