Mafia Capitale, nuova serie di arresti

Mafia Capitale, nuova serie di arresti
Il sindaco Ignazio Marino

Mafia Capitale, il sindaco Ignazio Marino

Roma, 4 giugno – Una nuova ondata di arresti scuote il mondo politico romano, nel secondo capitolo dell’inchiesta Mafia Capitale, condotta dalla procura di Roma e dai carabinieri del Ros. Sono in tutto 44 gli arresti, eseguiti nel Lazio, in Sicilia e in Abruzzo per associazione a delinquere e altri reati.

Sullo sfondo il business legato ai flussi migratori e alla gestione dei campi di accoglienza per migranti. Tra gli arrestati ci sono anche l’ex presidente del Consiglio Comunale di Roma, Mirko Coratti e Luca Gramazio.

Numerose le registrazioni telefoniche ascoltate dalle autorità: da qui emergono tutti i procedimenti e i patti stretti per coordinare il lavoro. Nell’ordinanza di custodia cautelare, emessa su richiesta della procura distrettuale antimafia di Roma, vengono ipotizzati a vario titolo i reati di associazione di tipo mafioso, corruzione, turbativa d’asta, false fatturazione, trasferimento fraudolento di valori e altro ancora. Ci sono anche 21 persone indagate, al momento a piede libero.

Subito si sono sentite le reazioni; la Cei, tramite il segretario generale mons. Nunzio Galantino, ha dichiarato: “Lucrare sugli immigrati è inciviltà.” Il sindaco di Roma, Ignazio Marino, è intervenuto: “Non mi dimetto. Arresti in maggioranza? Bene se colpevoli.” Ha poi aggiunto: “Dimissioni? Continuiamo in questo modo. Stiamo cambiando tutto.”

Salvini, segretario federale della Lega Nord, continua la sua campagna e scrive sul profilo Facebook: “Mafia capitale, altri 44 arresti per il business degli immigrati. Fermare subito le partenze e gli sbarchi, bloccare subito tutti gli appalti! Altro che buono, accoglienti e solidali… sono ladri! Renze e Alfano spargono clandestini negli alberghi di mezza Italia, capito chi ci guadagna?”.


Articoli correlati

Referendum. Oggi l’Italia al voto: gli orari e le regole

Questa domenica 4 dicembre si vota dalle 7:00 alle 23:00 per il referendum costituzionale. Sono chiamati al voto circa 51

Renzi: “Berlusconi potrebbe rivivere per masochismo sinistra”

Il premier Matteo Renzi ha dichiarato nei giorni scorsi che solo la parte “masochista” della sinistra italiana può far rivivere

Puglia. Scontro tra due treni, decine di morti

Tragedia delle ferrovie in Puglia, un incidente di gravità eccezionale. Sul posto stanno ancora lavorando i soccorritori ed è stato allestito