Cern. Al via i test per scoprire la materia oscura

Cern. Al via i test per scoprire la materia oscura
Lo staff del CERN

CERN, le collisioni delle particelle subatomiche per nuovi esperimenti

Ginevra, 3 giugno – Al centro di ricerca LHC Cern di Ginevra, Svizzera, sono iniziate le collisioni di particelle subatomiche all’energia record di 13 Tev (Teraelettronvolt), unità di misura dell’energia utilizzata a livello atomico.

Fabiola Giannotti, che prenderà la guida del Cern il 1° gennaio 2016, ha riferito che siamo in un momento storico per la fisica e la tecnologia. Dopo i primi test effettuati il 2 giugno, oggi si inizia il processo di collisioni, utilizzando migliaia di fasce di particelle subatomiche.

C’è anche parte di merito per l’Italia, grazie al contributo dell’Istituto nazionale di fisica nulceare (Infn) e dell’Ansaldo, che ha prodotto circa un terzo dei magneti superconduttori presenti nell’acceleratore. Anche l’attuale direttore, Rolf Heuer, è molto soddisfatto di questo risultato. I primi risultati non arriveranno immediatamente, ma sicuramente avremo delle risposte.

Sono due le principali domande a cui trovare risposta. La prima riguarda la materia oscura, la seconda riguarda l’universo e la sua forma (principalmente materia).

L’attuale teoria fisica che cerca di spiegare l’universo non ha dato risposta. La materia oscura compone circa il 25% di tutto ciò che è presente nel cosmo; si cercherà di capire anche l’asimmetria tra materia e antimateria, nonostante si ritenga che entrambe derivino dal Big Bang in egual misura.

 


Tag assegnati a questo articolo:
CernFabiola GiannottiGinevraRolf Heuer

Articoli correlati

Amministrative. Il confronto faccia risultare il migliore

Il voto è nato per discernere dentro di noi la scelta migliore, la scelta giusta. Che la mano del votante

Decreto Genova fermo per le coperture finanziarie. Le reazioni politiche

Il decreto legge sulle emergenze che comprende anche le norme per la ricostruzione del ponte Morandi di Genova è fermo

Brexit e alimentazione in Inghilterra

Il 18 maggio, l’ufficio di collegamento del Parlamento europeo nel Regno Unito ha organizzato un dibattito per esaminare l’impatto della