Cern. Al via i test per scoprire la materia oscura

Cern. Al via i test per scoprire la materia oscura
Lo staff del CERN

CERN, le collisioni delle particelle subatomiche per nuovi esperimenti

Ginevra, 3 giugno – Al centro di ricerca LHC Cern di Ginevra, Svizzera, sono iniziate le collisioni di particelle subatomiche all’energia record di 13 Tev (Teraelettronvolt), unità di misura dell’energia utilizzata a livello atomico.

Fabiola Giannotti, che prenderà la guida del Cern il 1° gennaio 2016, ha riferito che siamo in un momento storico per la fisica e la tecnologia. Dopo i primi test effettuati il 2 giugno, oggi si inizia il processo di collisioni, utilizzando migliaia di fasce di particelle subatomiche.

C’è anche parte di merito per l’Italia, grazie al contributo dell’Istituto nazionale di fisica nulceare (Infn) e dell’Ansaldo, che ha prodotto circa un terzo dei magneti superconduttori presenti nell’acceleratore. Anche l’attuale direttore, Rolf Heuer, è molto soddisfatto di questo risultato. I primi risultati non arriveranno immediatamente, ma sicuramente avremo delle risposte.

Sono due le principali domande a cui trovare risposta. La prima riguarda la materia oscura, la seconda riguarda l’universo e la sua forma (principalmente materia).

L’attuale teoria fisica che cerca di spiegare l’universo non ha dato risposta. La materia oscura compone circa il 25% di tutto ciò che è presente nel cosmo; si cercherà di capire anche l’asimmetria tra materia e antimateria, nonostante si ritenga che entrambe derivino dal Big Bang in egual misura.

 


Tag assegnati a questo articolo:
CernGinevra

Articoli correlati

Usare YouTube Analytics per guadagnare dal tuo canale

Quando pensiamo ai motori di ricerca ci vengono in mente i soliti “big”: Google, Bing, Yahoo! Ma ce n’è uno che

Renzi. L’Assemblea Nazionale per ripartire

“Si chiude il 2016, che per certi versi è stato un anno straordinario per gli eventi internazionali: l’elezione di Trump,

Il coniuge cambia sesso? Per la cassazione il matrimonio resta valido

Succede in Emilia, dove una coppia sposata con nozze concordatarie aveva ricevuto un reclamo di cessazione dell’unione in seguito alla “domanda