Coronavirus. 100 mila aziende chiedono di riaprire

Coronavirus. 100 mila aziende chiedono di riaprire

La scorsa settimana il governo ha esteso le chiusure delle imprese non essenziali al 3 maggio, ma più di 100.000 aziende principalmente di piccole e medie dimensioni hanno chiesto di riaprire la propria attività.

In linea di principio, un ostacolo fondamentale per le aziende nel fare affari dovrebbe essere quello di poter dimostrare di essere parte di una catena di approvvigionamento per le imprese ritenute “essenziali” come da decreto del governo, come le aziende alimentari, energetiche o farmaceutiche.

Ma il governo, di fronte a un arretrato di domande, ha chiarito che nessuna società deve attendere l’approvazione del governo per andare avanti.

Più di 105.000 aziende hanno chiesto di essere considerate parte delle catene di approvvigionamento essenziali, ha detto il ministro degli Interni.

Di queste, poco più di 2.000 sono state rifiutate e hanno l’obbligo di sospendere i loro affari. Più di 38.000 sono sotto controllo e gli altri sono in attesa di essere esaminati.

Il ministero ha detto che le imprese che hanno precedentemente presentato tali richieste possono ora “beneficiare di un avvio immediato” per le loro attività.

Quindi, a meno che non sia stato detto alle aziende che non devono aprire, tutto ciò che devono fare è informare le autorità locali che intendono riaprire. Quindi, senza aspettare una risposta, possono andare avanti.

L’ondata di notifiche da parte di aziende italiane sottolinea la disperazione delle multinazionali di riavviare la produzione. Ciò è particolarmente vero in Italia, dove quasi 4 milioni di aziende che impiegano meno di 10 persone costituiscono il tessuto dell’economia. L’esperienza italiana evidenzia anche la sfida per i governi di tutti i paesi sviluppati di controllare le chiusure che stanno paralizzando le loro economie.

Il governo effettuerà ispezioni per assicurarsi che le aziende non stiano ingannando il sistema, ha detto un portavoce del ministero degli interni.

Grandi parti dell’economia italiana non sono in grado di tornare al lavoro. Quasi la metà delle imprese del paese dalla moda alle auto che generano 1,3 trilioni di euro di fatturato annuo rimangono paralizzate – l’industria della moda, ad esempio, incapace di rivendicare un ruolo “essenziale”, ha ritirato le proprie richieste sui giornali per chiedere una possibilità riaprire.

Maschere e percorsi a senso unico

Una società che è andata avanti è Gasparini SpA, un produttore di macchine per la lavorazione dei metalli nella regione settentrionale del Veneto, dove oltre 14.600 persone sono risultate positive al virus.

Gasparini produce macchine usate per fabbricare prodotti da scaffalature industriali a componenti per la trasmissione di elettricità e pali metallici per vigneti.

Ha dovuto interrompere la produzione per due settimane. Ma la società afferma che alcuni dei suoi clienti, che realizzano sistemi di generazione e distribuzione di energia, si trovano in catene di approvvigionamento “essenziali”. Di conseguenza, ha trovato il modo di tornare al lavoro.

Il suo amministratore delegato, Filippo Gasparini, ha detto che la settimana scorsa l’azienda ha inviato un’e-mail certificata all’autorità locale e al prefetto di Venezia, specificando i nomi dei clienti rilevanti e il loro settore di attività e dicendo che intendeva riprendere le forniture.

Quindi siamo andati avanti senza risentirci.

Gasparini impiega 120 dipendenti e ha affermato che circa un quarto di loro lavora ora nella fabbrica. Ha intensificato le attività di sanificazione, ha dotato i lavoratori di maschere e guanti e ha personale addetto al monitoraggio per assicurarsi che si rispettino le distanze gli uni dagli altri.

Il rappresentante sindacale Leonardo Pattarello ha dichiarato di essere soddisfatto dei passi fatti dall’azienda. “Mi sento più sicuro qui rispetto a quando vado a fare la spesa“, ha detto, riferendosi alla regola che impone programmi di ingresso scaglionati per i supermercati.

Abbiamo creato percorsi a senso unico all’interno dell’azienda in modo che le persone non possano incontrarsi, abbiamo tutti maschere e guanti in lattice, ci sono bottiglie di disinfettante per le mani accanto a dove le persone prendono acqua o caffè. Prendono la nostra temperatura al mattino.

Un funzionario dell’ufficio del prefetto di Venezia ha dichiarato che ci sono state molte domande, quindi non è stato immediatamente possibile fornire informazioni su una specifica azienda.

Gasparini e le oltre 100.000 imprese che hanno attinto alle autorità locali stanno aumentando le pressioni politiche su Roma per riaprire le imprese. “Ho l’impressione che almeno il 60% delle aziende abbia già aperto“, ha affermato Luca Zaia, governatore della regione veneta dove ha sede Gasparini.

È inutile che continuiamo a pensare al blocco a livello nazionale. Non dobbiamo essere ipocriti, il blocco non esiste più.

Processo complesso

Più di 22.000 persone in Italia sono morte per il virus, la maggior parte nel nord, che costituisce il 45% della produzione economica del paese.

La scorsa settimana, le preoccupazioni che la malattia potesse devastare il sud dell’Italia, o tornare una nuova ondata, hanno portato il Primo Ministro Conte a resistere alle pressioni degli industriali per allentare le restrizioni.

Invece ha esteso il blocco e ha detto che un nuovo comitato di esperti, presieduto dall’ex CEO della compagnia telefonica britannica Vodafone Vittorio Colao, consiglierà il suo governo su come rinunciarli. Finora Colao non ha fatto commenti pubblici.

Nella città di Padova, in Veneto, il prefetto Renato Franceschelli ha dichiarato di aver ricevuto 4.500 richieste da parte di aziende che desideravano essere classificate come parte di una catena di approvvigionamento essenziale. Di questi, 3.400 erano stati esaminati e solo pochissimi dovevano poi sospendere le attività.

“Ci aspettiamo che ne arrivino molti altri”, ha detto.

Ogni caso è complesso e la catena di approvvigionamento è molto lunga, ha affermato: ad esempio. Può includere produttori di inchiostri per etichette per l’industria farmaceutica.

Alcune grandi aziende stanno spingendo per riaprire.

L’industria della moda ha detto che mancano solo pochi giorni per salvare la prossima stagione.

Sede di artisti del calibro di Prada, Armani e Moncler, l’Italia è seconda solo alla Francia tra i paesi europei per le vendite di moda e beni di lusso. Lo scorso anno l’azienda ha generato 90 miliardi di euro, pari a circa il 5% del PIL, secondo la camera nazionale della moda, Camera Nazionale della Moda Italiana (CNMI).

Nel fine settimana i produttori hanno pubblicato un annuncio a tutta pagina sulla stampa nazionale per chiedere al governo di consentirgli di riprendere gli affari.

Giorgio Muscas

Giorgio Muscas

Esperto in criptovalute mi dedico all'economia e alla politica. Il giornalismo è la mia vera passione