L’Anticorruzione passa alla Camera Bonafede: un traguardo per l’Italia

L’Anticorruzione passa alla Camera Bonafede: un traguardo per l’Italia

“Sono soddisfatto e orgoglioso, oggi è un bel traguardo per l’Italia anche se siamo ancora in prima lettura”. Queste le prime parole del ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, dopo l’approvazione del ddl Anticorruzione alla Camera.Il testo del provvedimento ha ricevuto 288 voti favorevoli e 143 contrari. “Dal mio punto di vista – ha aggiunto il Guardasigilli – oggi è un traguardo molto importante: parliamo di una legge che dà un messaggio bellissimo ai cittadini onesti di questo Paese e agli imprenditori onesti di questo paese. E cioè che lo Stato è dalla loro parte”.

Bonafede ha precisato che “la legge verrà approvata in via definitiva entro l’anno”  e che non preoccupa il passo falso della maggioranza di due giorni fa: “Non c’è da tenere alta la guardia – ha assicurato il ministro – ma solo da andare avanti con la determinazione che richiede un provvedimento così importante”. Il Guardasigilli ha poi ricordato che “la maggioranza è stata chiara nell’assicurare l’approvazione entro dicembre”. Il ddl, ha aggiunto, sancisce un principio fondamentale: “Chi sbaglia paga, si ristabilisce il principio della certezza della pena. Chi viene condannato in via definitiva con questa legge va in carcere, senza possibilità di evitarlo. Viene chiuso il cerchio anche con la parte sulla trasparenza”.

Il governo ha preannunciato che in Senato verrà corretta la norma relativa al peculato, introdotta a Montecitorio da un emendamento approvato a voto segreto contro il parere della maggioranza, ripristinando così il testo per come era stato licenziato dalle Commissioni. Negli auspici del governo, il via libera definitivo in terza lettura è atteso entro la fine dell’anno.


Articoli correlati

Nave Diciotti, la procura di Catania ha chiesto lʼarchiviazione per Salvini

La Procura di Catania ha formulato la richiesta di archiviazione nei confronti di Salvini per la vicenda della Diciotti. Lo

Molise. Campobasso continua lo sciame sismico

Il Molise è ancora sotto paura dopo lo sciame sismico che ha colpito la zona da cinque giorni a questa

Formazione docenti: al via il piano da 325 milioni

Più risorse rispetto al passato, una maggiore qualità dei percorsi formativi, nove priorità nazionali di formazione individuate dal Ministero da