La storia della Cina. Uno spostamento nell’economia del paese è passato in gran parte inosservato agli investitori

La storia della Cina. Uno spostamento nell’economia del paese è passato in gran parte inosservato agli investitori

L’economia cinese sta rallentando così tanto da far inciampare anche Apple, mentre l’orologio scandisce il tempo del cessate il fuoco di 90 giorni nella faida commerciale con gli Stati Uniti. Meno notato tra i titoli è un importante cambiamento nell’economia cinese che sta lentamente iniziando a rovesciare il sistema finanziario globale.

La Cina, da lungo tempo il principale risparmiatore mondiale e un enorme compratore di attività estere come Treasurys, è ora un grande spender, una tendenza che l’attuale ciclica crescita non dovrebbe far deragliare definitivamente. All’inizio del 2018, la Cina ha ottenuto più della sua crescita dal consumo rispetto agli Stati Uniti, il re in carica della spesa dei consumatori. Dato che i cinesi spendono di più in patria che all’estero, il surplus commerciale totale del paese con il resto del mondo si è ridotto a una frazione della sua dimensione precedente.

Il cambiamento ha implicazioni enormi per i mercati dei capitali globali: tutti, dai pensionati che investono in Treasury statunitensi, per finanziare i gestori che investono in mercati come l’Indonesia o l’India. Potrebbe anche, alla fine, contribuire ad alleviare alcuni degli attriti tra Stati Uniti e Cina.

La Cina esporta ancora tonnellate di merci. Ma dal momento che i suoi abitanti sono diventati più ricchi, ne consumano anche di più. Nel 2015, il paese ha esportato merci per circa 150 miliardi di dollari in più di quanto importasse ogni trimestre. Nel terzo trimestre del 2018, il surplus commerciale delle merci era di soli 100 miliardi.

Nel frattempo, la spesa netta della Cina per i servizi esteri, principalmente il turismo, è aumentata da 50 miliardi a oltre 80 miliardi di dollari nello stesso periodo. L’importanza di ciò è che i viaggiatori tengono denaro fuori dalla Cina per eludere gli stretti controlli cinesi sugli investimenti all’estero, ma chiunque sia stato nelle principali città del mondo negli ultimi anni ha assistito alla marea della spesa turistica cinese.

Tutti questi turisti sono una manna per i tour operator e venditori di borse, ma le loro spese folli significano che la Cina, in termini aggregati, ha lasciato meno per altri beni. Pechino non sta più comprando dollari per mantenere i guadagni commerciali spingendo verso l’alto lo yuan. 

Il minor capitale cinese che scorre nei titoli di stato statunitensi potrebbe non sembrare un grosso problema ora che i rendimenti diminuiscono mentre gli investitori fuggono dai mercati azionari instabili. Ma potrebbe pesare sui prezzi del Tesoro a lungo termine. Le disponibilità totali del Tesoro estero sono sostanzialmente ferme dal 2014, ma da allora il debito complessivo è aumentato di circa il 20%. Il rischio è che una minore domanda per le sue obbligazioni significhi che il governo degli Stati Uniti deve pagare più interessi per prendere i soldi in prestito. Ciò farebbe aumentare i tassi anche per le imprese e i consumatori.

L’impatto più immediato è stato un enorme successo per i mercati emergenti. Man mano che la Cina consuma di più, risparmia di meno, il che significa che c’è meno denaro disponibile per gli investimenti. Pechino ha cercato di attirare più capitali stranieri per colmare il divario. I mercati emergenti hanno sofferto lo scorso anno non solo a causa dell’aumento del dollaro, ma perché la Cina sta attraendo afflussi senza precedenti nei mercati azionari e obbligazionari.

Nel solo secondo trimestre la Cina ha attirato 61 miliardi di afflussi netti di investimenti di portafoglio, triplicando i livelli trimestrali che si stavano avvicinando al 2014. Tutti gli altri mercati emergenti, nel frattempo, probabilmente hanno visto un deflusso netto nel 2018 anni per 45 miliardi di dollari secondo l’Institute di dati di finanza internazionale. L’IIF stima che la Cina abbia catturato il 75% degli investimenti di portafoglio non residenti nei mercati emergenti nel 2018 e assorbirà circa il 70% nel 2019, rispetto al solo 28% nel 2017.

A breve termine, questa potrebbe essere una delle ragioni per un cauto ottimismo riguardo a un accordo commerciale tra Stati Uniti e Cina. Le due parti hanno concordato un blocco di 90 giorni nella loro battaglia commerciale all’inizio di dicembre, con gli Stati Uniti che hanno rinviato i piani per aumentare le tariffe di 200 miliardi in beni cinesi e le due parti che hanno iniziato negoziati su altre questioni controverse. La Cina potrebbe non frenare le richieste degli Stati Uniti per cessare di supportare industrie tecnologiche critiche come microchip e robotica, ma ha bisogno di più denaro straniero – la maggior parte ovviamente per settori come l’assistenza sanitaria dove i prezzi sono troppo alti e il servizio spesso orrendo.

Questa settimana gli investitori statunitensi si sono concentrati sulla sorprendente notizia che le vendite di iPhone di Apple non soddisfacevano le aspettative in Cina e si preoccupavano di cosa avrebbe potuto accadere per i mesi a venire.

Ma col passare del tempo, ciò che sarà più importante per i mercati globali è il grande aumento della domanda dei consumatori cinesi, il forte calo dei risparmi cinesi e il forte aumento del bisogno di capitale straniero della Cina.


Articoli correlati

Renzi si dimette: ‘Sconfitta chiara. Ora nuova pagina del Pd’.

“Come sapete e come è doveroso, mi pare che abbiamo riconosciuto con chiarezza che si tratta di una sconfitta netta,

Nuove sterline inglesi. Tecnologicamente avanzate Made in Italy

La Banca d’Inghilterra ha appena emesso la prima banconota da 5 Pound con l’effigie del leggendario primo ministro Winston Churchill.

Champions: Chiellini infortunato non giocherà con il Barca

Roma, 4 giugno – Il difensore della Juventus, Giorgio Chiellini, non disputerà la finale di Champions League di Berlino, contro