La lunga marcia dei migranti

La lunga marcia dei migranti

Sono partiti da lontano, dai confini dell’Ungheria e in massa, pacificamente, ma senza paura sono arrivati al confine austriaco.

Sono centinaia i migranti che hanno sfidato i tentativi di “registrazione” personale a Budapest e hanno iniziato a camminare verso il confine.

Gli Stati dell’Unione europea stanno discutendo per accordarsi su come trattare questo aumento senza precedenti dei migranti.

Coloro che viaggiano a piedi sono stati tra i migliaia accampati fuori dalla rete ferroviaria di Keleti a Budapest, mentre un altro gruppo è fuggito lungo i binari ferroviari a Bicske, a ovest della capitale ungherese, da un treno fermato dalla polizia.

Chi  ha viaggiato con quelli che camminano lungo la strada principale verso Vienna, ha detto che c’è la paura tra i migranti di essere arrestati e non invece mandati al confine come dicevano le autorità ungheresi.

L’Ungheria, insieme con la Repubblica Ceca, Polonia e Slovacchia, hanno rilasciato una dichiarazione congiunta Venerdì scorso per opporsi al sistema di quote europee sui migranti.

La Croce Rossa ha detto che secondo le stime da 800 a 1.500 persone potrebbero  arrivare in uno dei centri di migranti nelle prime ore di Sabato.

In una dichiarazione del ministero dell’Interno austriaco  si annunciava la possibilità di chiedere asilo in Austria.

L’Ungheria è diventata una nazione di transito importante per le persone in fuga dal Medio Oriente e l’Africa, cercando di raggiungere il nord e l’ovest dell’Europa.

 


Articoli correlati

Apple, 1 mld per produrre contenuti tv

Apple vuole investire un miliardo di dollari per creare contenuti audiovisivi originali nel 2018, entrando così in un campo per

Legittima Difesa, via libera per Cambiare la Legge. Lega: “Procedere Spediti”

E’ iniziata il viaggio per cambiare la legge sulla legittima difesa con alcune differenze tra i due partiti della maggioranza. Nella giornata in

Il Presidente Mattarella ha firmato il decreto di scioglimento delle Camere

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, dopo aver sentito i Presidenti dei due rami del Parlamento, ai sensi dell’articolo 88