Israele ancora al voto

Israele ancora al voto

Gli israeliani cercheranno di rompere lo stallo politico del paese, andando ai seggi elettorali per le terze elezioni generali del paese in meno di un anno.

Il primo ministro Benjamin Netanyahu ha recentemente alzato le sue quotazioni secondo alcuni sondaggi, aumentando la possibilità di estendere il suo mandato di 11 anni. Ma è più probabile che il voto finisca di nuovo in modo inconcludente, prolungando la situazione di stallo di Israele e portare a un’altra elezione tra qualche mese.

Perché Israele tiene un’altra elezione?

Gli israeliani hanno votato alle elezioni generali dello scorso aprile e poi di nuovo a settembre. Entrambe le volte, né il blocco prevalentemente religioso-conservatore di Netanyahu, né il centrista, gli avversari secolari, potevano radunare abbastanza seggi per formare una coalizione di governo.

Di conseguenza, Netanyahu è rimasto al comando di un governo apatico e svogliato, sfiduciato da determinati poteri e incapace di stabilire un bilancio. Solo una nuova elezione può rompere questo stallo.

Come funzionano le elezioni israeliane?

Gli israeliani votano per i partiti, piuttosto che per i singoli candidati. I 120 seggi in Parlamento vengono quindi divisi tra i partiti, in base alla loro percentuale della quota di voto nazionale.

Questo processo rende quasi impossibile per ogni singolo partito vincere la maggioranza – o 61 seggi – da solo. Per ottenere il potere, i leader politici devono mettere insieme strane alleanze con diversi partiti più piccoli, a volte con ideologie e richieste ampiamente diverse per le concessioni politiche ed economiche.

I palestinesi che vivono nei territori occupati non possono votare.