Trizio Consulting

India: arrivano anche le locuste

India: arrivano anche le locuste
ilBuonsenso

Come se le distorsioni della catena di approvvigionamento alimentare, la scarsità di manodopera agricola e le riserve di liquidità in diminuzione dovute alla pandemia di COVID-19 e al conseguente blocco non fossero abbastanza disastrose, gli agricoltori indiani hanno ora un altro scontro a fuoco: le locuste.

Gli “eserciti” invasori di locuste hanno recentemente minacciato le comunità agricole. Il potenziale di crescita esponenziale delle locuste e la devastazione delle colture ha messo a repentaglio la sicurezza alimentare ed economica delle regioni aride e semi-aride e delle centrali agricole.

Avvistamenti di locuste e attacchi negli stati di confine dell’India del Gujarat, Rajasthan, Punjab e Uttar Pradesh hanno dato notti insonni agli agricoltori e alle autorità dallo scorso inverno. Le preoccupazioni si stanno intensificando con l’avvicinarsi del periodo di semina di colture kharif o monsoniche come riso, mais, miglio, legumi, soia e arachidi a giugno.

Per gli agricoltori, le locuste sono gli insetti più distruttivi. Si nutrono voracemente di quasi tutti i tipi di colture; un grande sciame può mangiare come circa 35.000 persone in un giorno. Anche le locuste si riproducono rapidamente, con una sola locusta del deserto femmina che depone 60-80 uova tre volte durante il suo ciclo di vita di circa 90 giorni. Con una crescita così aggressiva, un chilometro quadrato di terra potrebbe contenere fino a 40-80 milioni di questi insetti. Percorrono anche grandi distanze, percorrendo fino a 150 km al giorno.

Locuste in India

Gli attacchi di locuste hanno già distrutto pascoli e colture in zone africane, tra cui Somalia, Etiopia, Kenya, Eritrea e Gibuti. I parassiti migratori penetrarono anche in Tanzania, Uganda e Sud Sudan, spazzando via interi campi di mais, sorgo e colture di grano.

Nel febbraio di quest’anno, l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura aveva avvertito della “minaccia” della schiusa e della formazione di sciami di locuste nell’Iran meridionale e nel sud-ovest del Pakistan. Le Nazioni Unite hanno previsto che ciò potrebbe mettere a repentaglio i terreni agricoli in tutto il sud-ovest asiatico, compresa l’India occidentale.

Peggio ancora, la seconda ondata di locuste, prevista per quest’estate, dovrebbe essere 20 volte più dannosa della prima. L’ONU stima che le sue dimensioni siano di circa 1,9 trilioni di locuste.

Mentre le locuste non sono un nuovo fenomeno in India, di solito arrivano solo da luglio a ottobre e non in tali sciami accecanti. I loro avvistamenti inaspettati lungo il confine Indo-Pak prima di aprile di questa stagione hanno quindi sollevato preoccupazioni. I governi statali hanno chiesto al primo ministro Narendra Modi di dichiarare che gli attacchi di insetti sono una “calamità nazionale”. Il Pakistan, che è stato anche una grande vittima degli sciami di locuste, ha anche proclamato un’emergenza nazionale a causa delle persistenti invasioni di locuste all’inizio di quest’anno.

Le incursioni delle locuste dell’anno scorso in India sono state le più significative dal 1993, affermano gli esperti agricoli. Il ministro dell’agricoltura dell’Unione Narendra Singh Tomar ha osservato nel Rajya Sabha (la camera alta della legislatura indiana) che l’88% dei 168.548 ettari di terreni agricoli indiani colpiti da locuste nell’ultimo anno ha perso oltre un terzo delle loro colture.

Gli attacchi di locuste stanno quindi mettendo a repentaglio l’economia agricola di diversi stati indiani. I villaggi negli stati occidentali indiani di Gujarat e Rajasthan, che confinano con le aree desertiche del vicino Pakistan, sono particolarmente vulnerabili alle invasioni di locuste. La scorsa estate, dal Pakistan, sono volati in India spessi, mobili, voraci sciami di locuste gialle, devastanti raccolti di rabi (primavera) attraverso il Rajasthan occidentale e parti del Gujarat settentrionale. Le autorità locali del Rajasthan e del Gujarat hanno dovuto trattare oltre 430.000 ettari di aree infestate con irroratrici montate su trattori e altri veicoli.

La situazione è stata particolarmente cupa nello stato desertico del Rajasthan, dove milioni di locuste attaccano i raccolti dello stato da aprile. Il loro rapido movimento è facilitato da tempeste di polvere, la cui frequenza aumenta durante i mesi estivi asciutti, affermano gli esperti meteorologici. Lo stato più popoloso dell’India nell’Uttar Pradesh ha anche sopportato il peso di brutali attacchi di locuste alle sue fattorie di canna da zucchero.

Locuste in India mangiano i raccolti

Gli agricoltori affermano che mentre il raccolto di rabi è stato colto quest’anno, le locuste possono ancora mettere in pericolo il germoglio di cotone, le verdure e il foraggio seminati il ​​mese scorso. “Siamo anche preoccupati per i danni che possono causare al tenero miglio e alle colture di moong dal che stiamo preparando a seminare ora”, afferma Ram Prasad, un agricoltore con sede a Jaisalmer, Rajasthan.

Nel tentativo disperato di spaventare gli insetti, i piccoli agricoltori e i marginali come Prasad hanno sbattuto piatti e acceso fuochi. Attraverso molti tratti, gli spaventapasseri sono uno spettacolo comune. Per attirare l’attenzione dei media sulla minaccia, un legislatore è arrivato nell’assemblea dello stato del Rajasthan con un cesto pieno di locuste appollaiate in testa.

Il 14 maggio Ashok Gehlot, primo ministro del Rajasthan, ha fatto appello per l’assistenza del governo centrale per affrontare il pericolo. Gehlot ha ricordato a Modi che le invasioni di locuste l’anno scorso avevano distrutto colture per un valore di miliardi in oltre 12 distretti.

Il danno in Gujarat, lo stato di origine di Modi, non è stato meno allarmante. Sciami di locuste hanno demolito le colture su 25.000 ettari nello stato questo inverno. Il governo statale ha dovuto avviare un’operazione congiunta con il centro per tenere la crisi sotto controllo. Carichi di camion di prodotti chimici e altre attrezzature di emergenza sono stati trasportati in luoghi colpiti come Banaskantha, Patan e Mehsana, tre dei 33 distretti del Gujarat. Le aree in cui sono state affrontate le locuste sono state colpite da senape, ricino e colture di grano.

Dato il rischio rappresentato dalle continue invasioni di locuste, il governo indiano ha anche investito molto in droni e attrezzature specializzate, nonché consultando esperti internazionali. “Stiamo anche monitorando il movimento dei parassiti sul terreno e facendo spray aerei per far scoppiare un nuovo focolaio”, afferma un alto funzionario del Ministero dell’Agricoltura.

Il funzionario aggiunge che sono state lanciate anche campagne di sensibilizzazione in tutti gli stati colpiti per sensibilizzare gli agricoltori. Opuscoli e adesivi vengono distribuiti per evidenziare misure di prevenzione dei parassiti e messaggi vengono dipinti a mano sui muri di uffici e magazzini e granai attraverso gli stati colpiti per portare a casa il punto.

Tuttavia, alcuni agricoltori hanno sottolineato che l’uso di spray antiparassitari per proteggere le colture e uccidere le locuste può essere spesso controproducente. “Attraverso la nostra esperienza, possiamo dire che queste sostanze chimiche non solo danneggiano le colture ma spesso non riescono a tenere a bada le locuste. Inoltre, è troppo costoso acquistare tutte queste apparecchiature in un momento in cui stiamo già lottando con il coronavirus. È la proverbiale situazione del “catch-22”, afferma Jagdish Prakash, un agricoltore con sede nell’Uttar Pradesh. Le colture di canna da zucchero di Prakash sono state distrutte dalle locuste l’anno scorso.ANNUNCIO PUBBLICITARIO

Perché il mondo sta vedendo un tale afflusso di locuste ultimamente? Secondo i climatologi, il fenomeno è una ricaduta indiretta del cambiamento climatico. In un conclave mediatico tenutosi nel distretto di Alwar, nel Rajasthan, a febbraio dal think tank Center for Science and Environment, con sede a Delhi, gli esperti hanno attribuito, tra gli altri, la proliferazione delle locuste al cambiamento delle condizioni meteorologiche e alla riduzione degli habitat della fauna selvatica.

Anil Sharma, uno specialista delle locuste del deserto, ha rivelato che mentre le invasioni delle locuste non sono eventi straordinari, il loro recente attacco in India è simile a una “situazione simile alla peste” senza precedenti.

Nella sua presentazione, Sharma ha spiegato come l’acqua piovana si sia raccolta nell’arido deserto che abbraccia l’Arabia Saudita, l’Oman, gli Emirati Arabi Uniti e lo Yemen dopo che è stata colpita dal ciclone Mekunu nel maggio 2018. Ciò ha creato un fertile terreno fertile per le locuste del deserto. Nell’ottobre dello stesso anno, anche la penisola arabica fu colpita dal ciclone Luban, che moltiplicò ulteriormente le popolazioni di locuste.

Gli insetti si spostarono verso est verso il Pakistan e l’India in cerca di cibo, aumentando ulteriormente la stretta dei parassiti su una scaglionata estensione geografica. “Arrivano molto all’improvviso. Questo insetto è temuto maggiormente dagli agricoltori di tutto il mondo. Gli sciami sono così spessi che bloccano persino la luce solare “, ha detto Sharma.

Non esiste una soluzione rapida per la minaccia della locusta. Oltre ai prodotti chimici, ai pesticidi e ai droni, è indispensabile affrontare la causa principale del riscaldamento globale e investire nel miglioramento della resilienza climatica e delle tecniche di adattamento. Un processo costoso e complesso, ciò richiederà cooperazione e coordinamento globali. Ma deve essere fatto. Altrimenti, come hanno dimostrato questi dannosi parassiti, i costi saranno sconcertanti e ricorrenti.