Trizio Consulting

I soldati del Mali promettono elezioni dopo il colpo di stato

I soldati del Mali promettono elezioni dopo il colpo di stato
ilBuonsenso

I soldati che hanno destituito il presidente e il governo del Mali con un colpo di stato militare che ha suscitato la condanna dall’estero hanno promesso mercoledì di ripristinare la stabilità e supervisionare una transizione alle elezioni entro un tempo “ragionevole”.

Il presidente Ibrahim Boubacar Keita si è dimesso e ha sciolto il parlamento martedì tardi, poche ore dopo che gli ammutinati lo hanno arrestato sotto la minaccia delle armi, facendo precipitare un paese che già stava affrontando un’insurrezione jihadista e proteste di massa più profondamente nella crisi.

Mercoledì non era ancora chiaro chi guidasse la rivolta.

Ma un portavoce degli ammutinati, che si fa chiamare Comitato nazionale per la salvezza del popolo, ha detto che hanno agito per impedire che il Mali cadesse ulteriormente nel caos.

Il colpo di stato è stato rapidamente condannato martedì dai partner regionali e internazionali del Mali, che temono che la caduta di Keita possa destabilizzare ulteriormente l’ex colonia francese e l’intera regione del Sahel dell’Africa occidentale.

Mercoledì gli shates di due società di estrazione dell’oro che operano nel paese sono diminuiti drasticamente, poiché hanno cercato di rassicurare gli investitori che le loro operazioni non sono state influenzate.

Il portavoce degli ammutinati, il colonnello Ismael Wague, ha invitato la società civile e i movimenti politici del Mali a unirsi a loro per creare le condizioni per una transizione politica.

“Il nostro Paese sta sprofondando nel caos, nell’anarchia e nell’insicurezza soprattutto per colpa delle persone che ne sono responsabili del destino”, ha detto affiancato dai soldati in un comunicato trasmesso dalla televisione di Stato.

“Non ci piace il potere, ma ci interessa la stabilità del Paese, che ci consentirà di organizzare elezioni generali per consentire al Mali di dotarsi di istituzioni forti entro un termine ragionevole”.

SEGNI DI SACCHEGGIO

Nella tarda mattinata di martedì, i manifestanti antigovernativi si erano riversati in una piazza centrale di Bamako per acclamare gli ammutinati mentre attraversavano i veicoli militari.

Mercoledì la capitale era molto più tranquilla all’inizio, con pochi civili nelle strade e la maggior parte dei negozi in una zona residenziale ancora chiusi a causa delle prove di saccheggi notturni.

I video che circolano sui social media hanno mostrato i maliani che corrono incontrollati nei complessi di lusso della città, comprese le proprietà identificate come appartenenti al ministro della Giustizia Kassoum Tapo e al figlio di Keita, Karim. Non è stato immediatamente possibile per Reuters autenticare il filmato.

Il Mali senza sbocco sul mare ha lottato per riconquistare la stabilità dalla rivolta dei Tuareg nel 2012 che è stata dirottata dai militanti islamisti legati ad al Qaeda, e un successivo colpo di stato nella capitale ha gettato il paese nel caos.

Keita, 75 anni, è salito al potere nel 2013 in seguito al colpo di stato di Bamako promettendo di portare pace e stabilità e combattere la corruzione. Ha vinto la rielezione per un secondo mandato quinquennale nel 2018.

Mercoledì, il commissario per l’industria dell’Unione europea Thierry Breton ha affermato che il blocco insisterà per nuove elezioni in Mali entro un lasso di tempo ragionevole, mentre la Cina si è dichiarata contraria al cambio di regime con la forza

Martedì, il blocco regionale di 15 nazioni dell’Africa occidentale, la Comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale, aveva sospeso il Mali dalle sue istituzioni e chiuso i confini dei suoi stati membri con il Mali.

Avendo precedentemente avvertito che non avrebbe più tollerato colpi di stato militari nella regione, il blocco prevede di inviare una delegazione in Mali per garantire un ritorno alla democrazia costituzionale.

Vincent Rouget, analista di Control Risks Group, ha affermato che la continua incertezza politica “si aggiungerebbe a un premio di rischio già molto elevato che le persone associano al Mali” e potrebbe rappresentare dei rischi per l’industria mineraria del paese in futuro.

Le azioni della Resolute Mining australiana ( RSG.AX ) sono scese del 14%, mentre le Hummingbird Resources ( HUMR.L ) quotate a Londra sono scese dell’8%. Entrambe le aziende, insieme alla pari canadese B2Gold ( BTO.TO ), hanno affermato che le loro miniere maliane funzionavano normalmente.

Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sarà informato sul Mali a porte chiuse mercoledì su richiesta di Francia e Niger, hanno detto i diplomatici.

Martedì il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres aveva chiesto il rilascio immediato di Keita e di altri detenuti.