Trizio Consulting

I cambiamenti climatici causati dall’uomo hanno creato l’ondata di caldo nel Regno Unito

I cambiamenti climatici causati dall’uomo hanno creato l’ondata di caldo nel Regno Unito

Quando la Gran Bretagna ha registrato le temperature più alte mai viste, in un’ondata di caldo estremo, gli scienziati non hanno avuto dubbi che l’evento unico nel suo genere fosse stato sovralimentato dal rilascio incontrollato di gas serra da parte dell’uomo.

Ora un gruppo di ricercatori, utilizzando dati di osservazione e modelli climatici, ha cercato di calcolare quanto sia responsabile il cambiamento climatico determinato dall’uomo. L’analisi, condotta dal gruppo World Weather Attribution, ha concluso che il riscaldamento globale ha reso questa ondata di caldo britannica “almeno 10 volte più probabile”.

Il caldo ha battuto ogni record, con temperature arrivate a 40,3 gradi a Coningsby, in Inghilterra, il 19 luglio 2022. Le temperature all’aeroporto internazionale di Heathrow e al St. James Park nel centro di Londra erano solo una frazione di grado meno intense.

I ricercatori hanno determinato che in un mondo preindustriale, intorno al 1850, la stessa ondata di calore sarebbe stata di 4 gradi più fredda, secondo i dati dell’osservatorio, o di 2 gradi più fredda secondo la modellazione al computer.

Il team di World Weather Attribution è specializzato nell’esame dei collegamenti tra gli eventi meteorologici in corso e il cambiamento climatico. Ha scoperto che il cambiamento climatico rendeva il caldo devastante pre-estivo in India e Pakistan 30 volte più probabile, forti piogge e inondazioni mortali in Sud Africa e ha aumentato la potenza e i danni del super tifone giapponese Hagibis.

Lo stesso gruppo, composto da scienziati di tutto il mondo, ha affermato che l’ondata di caldo della scorsa estate nel nord-ovest del Pacifico, che ha visto le temperature a Portland salire a 46 gradi, sarebbe stata “praticamente impossibile” prima del cambiamento climatico.

L’ondata di caldo britannica sarebbe stata “estremamente improbabile” senza il cambiamento climatico causato dall’uomo.

“Le ondate di calore sono spesso disastri invisibili”, a differenza di inondazioni o uragani, ha affermato Emmanuel Raju, del Center for Disaster Research dell’Università di Copenaghen, e uno degli autori del rapporto.

Un conteggio completo della letalità dell’ondata di caldo di luglio richiederà un mese o più. Ma il rapporto avverte: “gli impatti includono proiezioni di un eccesso di mortalità di oltre 840 persone” per l’evento di due giorni, oltre a “ricoveri in ospedale, danni alle infrastrutture ed effetti psicosociali”.

Nel mondo del “clima naturale”, prima dello spiegamento del motore a vapore nella rivoluzione industriale, il livello di anidride carbonica nell’atmosfera era di 280 parti per milione. Oggi sono 412 milioni di parti per milione e il pianeta è in media di 1,2 gradi più caldo.

Ma questo è per il “clima attuale”, hanno avvertito i ricercatori. Supponendo che i livelli di gas serra aumentino nei prossimi decenni, prevedono un aumento del calore killer.

Secondo i modelli gestiti dall’Ufficio meteorologico britannico, entro il 2100 potrebbe verificarsi una giornata di 40 gradi una volta ogni 15 anni se i paesi rispettano le loro promesse di emissioni di carbonio, o una volta ogni tre o quattro anni se continuano a emettere tanto inquinamento quanto loro oggi.

Niccolò Giraudo

Niccolò Giraudo

Torino è una città fantastica, specialmente per chi ama il design in tutte le sue forme. Chi non ci credesse può venire a casa mia: matite e pennelli non mancano. Si può anche suonare il violoncello. È l’ambiente ideale anche per recensire un film, un blog o un nuovo tostapane. Provare per credere.