Trizio Consulting

Hagia Sophia agita il Mondo

Hagia Sophia agita il Mondo
ilBuonsenso

Con la sua vasta cupola e i suoi minareti imponenti, Hagia Sophia è per l’umanità ciò che il Grand Canyon è per la geologia: un libro a cielo aperto che concentra quasi un millennio e mezzo di storia come il cuore successivo degli imperi cristiani e musulmani ortodossi, punteggiato nel tempo da saccheggi, incendi e terremoti.

Ma decidendo di trasformare nuovamente in una moschea un edificio che è stato un museo dagli anni ’30 ed è diventato un potente simbolo delle relazioni ecumeniche, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha inviato un triplo messaggio, dicono gli storici.

La decisione ha suscitato sgomento tra gli ortodossi, che si preoccupano per le nuove tensioni con i sunniti turchi, tra i vicini della Turchia allarmati dalla retorica neo-ottomana di Erdogan, nonché tra la comunità di curatori e storici che si preoccupano del destino dei tesori racchiusi in Hagia Sophia soprattutto dei mosaici medievali.

Che lo utilizzino come moschea o meno non è francamente affar mio“, ha affermato Michael Talbot, docente di storia all’Università di Greenwich. “Ma è ciò che accade ai manufatti storici all’interno che riguarda tutti, perché non è solo proprietà della repubblica turca, è un’eredità per il mondo.

Con le sue enormi dimensioni quando fu completato come tempio cristiano nel 537 d.C. nella penisola di quella che all’epoca era Costantinopoli, Hagia Sophia è una meraviglia architettonica che ha influenzato la progettazione degli edifici nel corso dei secoli.

Utilizzato dai bizantini per incoronare i loro imperatori, l’edificio subì ingenti danni nel 1204 quando i crociati cattolici romani saccheggiarono Costantinopoli.

Gli Ottomani guidati da Fatih Sultan Mehmet conquistarono la città nel 1453.

La perdita di Costantinopoli e Hagia Sophia ha creato un trauma per generazioni di seguaci ortodossi che, fino ad oggi, non è andato via, secondo Talbot, questo spiega perché i leader ortodossi dalla Grecia alla Russia hanno criticato la decisione della Turchia.

È come se San Pietro fosse stato trasformato in una moschea. È il fatto che la sede di quella chiesa non funziona più come chiesa ed è nelle mani di una religione rivale”, ha detto. “È una narrazione tra alcune parti dell’Europa orientale e le loro diaspore in America e oltre.

La decisione della Turchia è una “provocazione aperta a tutto il mondo civilizzato“, ha dichiarato Lina Mendoni, ministro della Cultura della Grecia, dove la Chiesa greco-ortodossa è la religione dominante. “Il nazionalismo mostrato dal presidente Erdogan riporta indietro di sei secoli il suo paese“, ha affermato in una nota.

Celebrando la sua vittoria, Fatih Sultan Mehmet ha convertito Hagia Sophia in una moschea. Ha aggiunto un minareto – altri tre sono stati aggiunti in seguito – ma la struttura originale principale è stata conservata, così come i mosaici. Nel corso dei secoli successivi, i mosaici sono stati più volte coperti con sottili strati di intonaco e scoperti, mentre le interpretazioni delle regole musulmane cambiavano.

Ciò che è notevole è che non sono stati distrutti“, ha detto Frédéric Hitzel, uno storico con il centro di ricerca del CNRS in Francia.

Nel 1934, Mustafa Kemal Atatürk, il padre della Turchia moderna, firmò un decreto che trasformava la moschea di Hagia Sophia, con tutto il suo bagaglio storico, in un museo.

L’ha offerto all’umanità“, ha dichiarato Hitzel. “È stato un messaggio molto forte inviato in Occidente. Stava rimodellando la Turchia in un moderno paese secolare aperto al mondo“.

Annunciando la sua decisione su Hagia Sophia in un discorso televisivo Erdogan ha affermato che i documenti risalenti a Fatih Sultan Mehmet contenevano una profezia secondo cui “chiunque cambi l’uso da Moschea di Hagia Sophia subirà la maledizione di Dio”.

La decisione presa oggi ci ha permesso di liberare il nostro paese da questa maledizione“, ha detto.