La guerra commerciale Stati Uniti e Cina colpisce gli acquisti agricoli

La guerra commerciale Stati Uniti e Cina colpisce gli acquisti agricoli

I colloqui commerciali tra Stati Uniti e Cina hanno colpito gli acquisti agricoli, i funzionari cercano di bloccare l’accordo commerciale che il presidente Trump ha delineato il mese scorso.

Trump ha affermato che la Cina ha accettato di acquistare annualmente fino a 50 miliardi di dollari di semi di soia, maiale e altri prodotti agricoli dagli Stati Uniti. Ma la Cina non vuole accettare un accordo dove sia compreso un impegno preciso nel testo.

Pechino vuole evitare di concludere un accordo che sembra più favorevole agli Stati Uniti che alla Cina e vuole anche avere una flessibilità all’interno dell’accordo nel caso in cui le tensioni commerciali aumentino di nuovo. “Possiamo sempre interrompere gli acquisti se le cose peggiorano di nuovo“, ha detto un funzionario cinese.

La disputa sugli acquisti di prodotti agricoli è una delle numerose questioni che hanno ritardato il completamento dell’accordo commerciale annunciato da Trump e dal vice premier cinese Liu He l’11 ottobre. Entrambe le parti sono anche in contrasto sul prevedere in quale misura Gli Stati Uniti concorderebbero di alzare le tariffe sulle importazioni cinesi.

Funzionari cinesi si sono opposti alle richieste degli Stati Uniti di un forte meccanismo di applicazione dell’accordo e frenano il trasferimento forzato di tecnologia per le aziende che cercano di fare affari in Cina, tutte di primaria importanza per la comunità internazionale degli affari.

Né l’ufficio del rappresentante commerciale statunitense, che sta conducendo i negoziati statunitensi, né l’ambasciata cinese a Washington hanno risposto a richieste di commento.

Parlando con i giornalisti alla Casa Bianca mercoledì, Trump ha detto che i colloqui sono in corso. “Vedremo cosa succede, ma ci si sta muovendo rapidamente“, ha dichiarato Trump. Il giorno prima, il presidente ha detto di essere pronto ad aumentare sostanzialmente le tariffe statunitensi sulle importazioni cinesi se le due parti non riuscissero a raggiungere un accordo.

Alcuni ex funzionari commerciali statunitensi e persone informate sui colloqui a Washington temono che la Cina stia chiedendo troppo nel momento in cui un accordo sembra essere vicino.

I gruppi imprenditoriali statunitensi hanno sperato in un accordo in cui l’amministrazione Trump avrebbe lasciato cadere i piani per imporre nuovi dazi sui beni di consumo fissati per il 15 dicembre e ridurre i prelievi del 15% imposti su altre importazioni entrate in vigore il 1 settembre.

Il ministero del Commercio cinese non ha rivelato alcun impegno agricolo e un portavoce del ministero ha dichiarato la scorsa settimana che gli Stati Uniti avevano concordato di eliminare alcune tariffe esistenti come parte della prima fase di quello che potrebbe essere un accordo multipart.

Gao Feng, portavoce del ministero del Commercio, ha detto giovedì che le due parti stanno discutendo ma non è entrato nei dettagli.

Robert Lighthizer, il rappresentante commerciale degli Stati Uniti, non è disposto a ripristinare le tariffe esistenti sulle importazioni cinesi, inclusi i prelievi ampiamente criticati sugli articoli di consumo, a meno che Pechino non mostri maggiore flessibilità sulle richieste di Washington.

Da parte cinese, i funzionari stanno facendo “esattamente quello che ti aspetteresti che facciano” trattenendosi dal prendere impegni con Lighthizer fino a quando non saranno sicuri che l’amministrazione Trump eliminerà le tariffe esistenti nella “fase uno”.

Dopo l’incontro dell’11 ottobre con Liu, Trump ha affermato che le due parti avevano preso un accordo in linea di principio per la definizione della prima fase in cui la Cina avrebbe acquistato da 40 a 50 miliardi di dollari in prodotti agricoli statunitensi.

Trump ha recentemente affermato di sperare che l’accordo di fase uno possa essere firmato in Iowa.

Lo Iowa e altri stati agricoli in gran parte repubblicani hanno sofferto a causa della rappresaglia della Cina contro le tariffe di Trump sulle importazioni cinesi con minori acquisti di soia e altre materie prime.

Oltre agli acquisti di aziende agricole, ci si aspetta che la Cina, nella prima fase, si attenga a regole per prevenire la manipolazione della valuta, si impegni a salvaguardare la proprietà intellettuale delle società e ad aprire i suoi mercati finanziari.

Le aziende statunitensi che operano all’estero sono preoccupate che le limitate aperture del mercato nel settore bancario o in altre aree non abbiano effetti se Pechino non si impegna a garantire un flusso più libero di dati e che non richiedono il cambio di tecnologia quando si entra nel mercato cinese.

Le imprese sperano che saranno affrontate ulteriori riforme strutturali se i due paesi negoziano un accordo di fase due o fase tre.

Nel frattempo, l’amministrazione Trump è ansiosa di ottenere il maggior numero possibile di impegni dalla Cina nella prima fase, in parte come assicurazione nel caso in cui i paesi faticano a raggiungere accordi futuri.

Accetteremo un accordo solo se sarà positivo per gli Stati Uniti, i nostri lavoratori e le nostre grandi aziende, perché siamo stati colpiti duramente“, ha dichiarato Trump in un discorso martedì all’Economic Club di New York.

Giorgio Muscas

Giorgio Muscas

Esperto in criptovalute mi dedico all'economia e alla politica. Il giornalismo è la mia vera passione