Vaccino Usa

I primi vaccini sono stati iniettati lunedì mattina nella campagna di vaccinazione di massa americana, aprendo un nuovo capitolo nella battaglia contro la pandemia di coronavirus, che ha ucciso più persone negli Stati Uniti che in qualsiasi altro Paese.

Poco dopo le 9 di lunedì, le vaccinazioni hanno avuto luogo nel Long Island Jewish Medical Center nel Queens. La pandemia ha segnato profondamente lo Stato di New York, lasciando oltre 35.000 morti e indebolendo gravemente l’economia.

Credo che questa sia l’arma che metterà fine alla guerra“, ha detto il governatore Andrew M. Cuomo in una conferenza stampa lunedì mattina, poco prima che la vaccinazione venisse somministrata a Sandra Lindsay, un’infermiera di terapia intensiva.

Qualche istante dopo, il presidente Trump ha pubblicato su Twitter : “Primo vaccino somministrato. Congratulazioni USA! Congratulazioni MONDO! ” sebbene non fosse chiaro se si riferisse alle vaccinazioni a New York.

Le vaccinazioni sono iniziate dopo l’autorizzazione di emergenza del vaccino Pfizer-BioNTech da parte della Food and Drug Administration venerdì notte e mentre il bilancio delle vittime del coronavirus negli Stati Uniti si avvicina a 300.000, con un aumento costante di nuovi casi ogni giorno.

Domenica, camion e aerei da carico imballati con la prima di quasi tre milioni di dosi di vaccino contro il coronavirus si erano diffuse in tutto il paese, mentre gli ospedali di tutti i 50 stati si precipitavano per allestire siti di iniezione ei loro lavoratori ansiosi monitoravano ogni spedizione ora per ora. Ma il lancio è meno centralizzato negli Stati Uniti che in altri paesi che stanno correndo per distribuirlo.

In tutto il paese, secondo il generale Gustave F. Perna, il direttore operativo dello sforzo federale per sviluppare un vaccino, 145 siti riceveranno il vaccino lunedì, 425 martedì e 66 mercoledì.

La maggior parte delle prime iniezioni dovrebbe essere somministrata lunedì agli operatori sanitari ad alto rischio. In molti casi, questa prima consegna limitata non fornirebbe dosi quasi sufficienti per inoculare tutti i medici, gli infermieri, le guardie di sicurezza, gli addetti alla reception e gli altri lavoratori che rischiano di essere esposti al virus ogni giorno. Poiché i vaccini possono causare effetti collaterali tra cui febbri e dolori, gli ospedali dicono che scaglioneranno i programmi di vaccinazione tra i lavoratori.

Anche i residenti delle case di cura, che hanno subito una quota sproporzionata di decessi per Covid-19, hanno la priorità e dovrebbero iniziare a ricevere le vaccinazioni la prossima settimana. Ma la stragrande maggioranza degli americani non sarà eleggibile per il vaccino fino alla primavera o successivamente.

Lunedì pomeriggio al George Washington University Hospital, cinque delle prime vaccinazioni sono programmate per quello che il Dipartimento di Salute e Servizi Umani chiama un “evento di lancio” cerimoniale nazionale.

Le cinque persone sono state selezionate da un algoritmo che l’ospedale sta utilizzando per assegnare le prime dosi, il risultato di un sondaggio compilato dai dipendenti dell’ospedale che ha chiesto informazioni sull’età, le condizioni mediche sottostanti e il rischio che comportano nel loro lavoro.

Le mosse arrivano solo sei giorni dopo che la Gran Bretagna è diventata la prima nazione al mondo ad iniziare a lanciare un vaccino completamente testato. Da allora, una manciata di altre nazioni ha approvato lo stesso vaccino. In Canada, le prime spedizioni del vaccino Pfizer-BioNTech sono arrivate domenica, ha annunciato su Twitter il primo ministro Justin Trudeau, e si prevede che i primi colpi saranno forniti già martedì.

Ma anche ore prima che iniziassero le iniezioni in America, c’era ancora incertezza. Sulle pianure innevate di Fargo, ND, Jesse Breidenbach, direttore esecutivo senior della farmacia per Sanford Health, che gestisce ospedali e cliniche nell’Upper Midwest, domenica ha aggiornato ripetutamente la sua e-mail, in attesa di ricevere un numero di tracciamento FedEx che lo avrebbe fatto confermano che erano in viaggio circa 3.400 dosi.

L’ospedale Sanford di Fargo stava convertendo il suo Veterans Club in un sito di vaccinazione e i funzionari hanno detto che avrebbero iniziato a inoculare un primo gruppo di medici e infermieri di emergenza e di terapia intensiva entro poche ore dall’arrivo del vaccino. Ma quando sarebbe successo?

La risposta è arrivata domenica pomeriggio: consegna prevista del vaccino, lunedì alle 10:30, con le vaccinazioni che iniziano nel primo pomeriggio.

Di Niccolò Giraudo

Torino è una città fantastica, specialmente per chi ama il design in tutte le sue forme. Chi non ci credesse può venire a casa mia: matite e pennelli non mancano. Si può anche suonare il violoncello. È l’ambiente ideale anche per recensire un film, un blog o un nuovo tostapane. Provare per credere.

Lascia un commento