George Floyd: la brutalità della polizia sconvolge gli Stati Uniti

George Floyd: la brutalità della polizia sconvolge gli Stati Uniti

Diversi video con scene di brutalità perpetrate della polizia sono emersi durante le proteste per la morte dell’afroamericano George Floyd.

A Buffalo, nello Stato di New York, due ufficiali sono stati sospesi dopo essere stati visti spingere a terra un uomo bianco, anziano.

E a New York City, la polizia è stata ripresa in video mentre gestivano in modo “approssimativo” i manifestanti mentre scappavano.

Le notizie arrivano ore dopo il memoriale per Floyd a Minneapolis, la città dove è morto per mano della polizia.

La sua uccisione, ripresa anche in video, ha suscitato indignazione e scatenato un’ondata di proteste contro la discriminazione razziale e il trattamento della polizia nei confronti degli afroamericani nelle città degli Stati Uniti e del mondo.

La stragrande maggioranza delle manifestazioni negli ultimi otto giorni è stata pacifica, ma alcuni sono caduti in violenze e rivolte, con coprifuoco imposti in diverse città.

Durante una protesta, le forze di sicurezza di Washington DC hanno sparato proiettili di gomma o irritanti e bombe fumogene per disperdere i manifestanti davanti alla Casa Bianca, permettendo al presidente Donald Trump di raggiungere una chiesa vicina per una visita.

In risposta a questo giovedì, il gruppo per i diritti civili dell’America Civil Liberties Union ha intentato una causa, accusando il presidente, il procuratore generale e altri di aver violato i diritti costituzionali dei manifestanti.

Quando il massimo ufficiale delle forze dell’ordine della nazione diventa complice delle tattiche di un autocrate, incide sulla protezione di tutti noi“, ha dichiarato Scott Michelman, funzionario dell’ACLU.