FCA, ecco il manifesto sulla sostenibilità ambientale

FCA, ecco il manifesto sulla sostenibilità ambientale

“Ogni giorno – dicono a Torino – contribuiamo attivamente per la transizione verso un’economia circolare”. Ecco come

“Negli ultimi decenni la domanda di risorse ha continuato a crescere, minacciando sempre più l’ambiente che ci circonda. Anche l’economia deve fare i conti con risorse finite. La transizione verso un’economia circolare – capace di mettere in discussione la logica dell’usa e getta tipica dell’attuale modello di sviluppo lineare – diventa un imperativo per la sostenibilità del Pianeta. Con l’economia circolare i prodotti e i loro componenti sono progettati per essere recuperati o riciclati per prolungare il loro ciclo di vita a tutto vantaggio dell’ambiente. Il passaggio verso un’economia circolare offre benefici significativi anche dal punto di vista della sostenibilità economica”.

Così ad FCA presentano il proprio impegno verso un’economia circolare. E citano ad esempio la forte promozione del biometano come combustibile alternativo per una mobilità sempre più sostenibile.

Va ricordato che il biometano si ricava dalla purificazione del biogas prodotto da sostanze organiche quali i residui zootecnici, i sottoprodotti agroindustriali e i rifiuti urbani. “L’utilizzo del biometano – spiegano i tecnici – come combustibile rappresenta una valida scelta per ridurre l’inquinamento nelle

aree urbane. Infatti i veicoli alimentati con questo carburante producono le stesse emissioni di CO2 di un veicolo elettrico alimentato con energia da fonti rinnovabili”.

E già adesso tutti i veicoli a metano di FCA possono già essere alimentati anche con biometano.


Articoli correlati

Urbi et Orbi: il Papa chiede la pace per Gerusalemme

Papa Francesco ha usato il tradizionale messaggio del giorno di Natale per chiedere “pace per Gerusalemme” e dialogo tra israeliani

Roma. Due esplosioni in strada

“Un gesto dimostrativo” facendo esplodere un “ordigno che non era atto ad offendere” quello che è esploso in aria a Roma,

Time’s Up. Campagna contro le molestie sessuali

Più di 300 attrici, scrittori e registi hanno lanciato un progetto per aiutare a combattere le molestie sessuali nell’industria cinematografica