Expo. Direttore FAO: sconfiggiamo la fame entro il 2025

Expo. Direttore FAO: sconfiggiamo la fame entro il 2025
Logo progetto Fame Zero

Milano Expo 2015, progetto Fame Zero

Milano, 4 giugno – Obiettivo “Fame Zero” entro il 2025. Questo è la meta a cui arrivare, secondo il direttore generale della FAO, Josè Graziano da Silva, che ha parlato oggi al Forum Internazionale dell’Agricoltura all’Expo di Milano. Intorno a lui un gruppo folto di ministri e delegati da tutto il mondo.

“Per raggiungere lo scopo” ha detto il dg “bisogna fare un cammino tutti insieme”. Grande importanza ha dato all’agricoltura, che deve essere il motore principale per combattere la povertà e la fame nel mondo. Al centro del dibattito anche l’impatto ambientale e gli sprechi alimentari.  Si tratta di una delle tappe fondamentali del percorso dell’Expo di Milano; anche Maurizio Martina, ministro per le Politiche Agricole, ha spiegato gli obiettivi da perseguire: “Cancellare la fame, la povertà e la malnutrizione, combattere il cambiamento climatico; tutelare i beni comuni come acqua, terra e biodiversità; ridurre gli sprechi nelle filiere alimentari. In questi sei mesi Expo Milano deve aiutarci a costruire soluzioni concrete.”

Nell’incontro si è distinto anche il Commissario Ue Phil Hogan, che ha spiegato come l’Unione Europea premi e incoraggi i progetti dei Paesi in via di sviluppo. La sfida lanciata dalla Ue è quella di capire come produrre di più, ma sfruttando meno il territorio e le risorse, sviluppando anche sistemi alimentari sostenibili.

Tra gli interventi, anche quello del segretario nazionale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon: “Il mondo produce abbastanza cibo, ma una persona su nove non ne riceve abbastanza”. Il segretario si è poi schierato a favore dell’obiettivo Fame Zero, dicendo che, insieme, si può fare.

 


Tag assegnati a questo articolo:
Expo 2015fame nel mondoFAO

Articoli correlati

L’Italia è fuori dalla recessione. Il PIL torna a crescere

L’Italia è uscita dalla recessione con un’espansione economica dello 0.3% nei primi tre mesi del 2015, comparati con il quadrimestre

Pompei, dall’8 luglio al via le visite notturne

E’ stato inaugurato il 3 luglio il percorso di suoni e luci “Una notte a Pompei”, realizzato e promosso da Parco

Autostrade per l’Italia pubblica gli allegati della convenzione con lo Stato

I rapporti tra Autostrade per l’Italia, società controllata da Atlantia di proprietà della famiglia Benetton e il ministro per le Infrastrutture