Putin sanzioni

Putin ha detto che gli acquirenti di paesi “ostili” devono iniziare a pagare il loro gas in rubli. Di solito, la stragrande maggioranza degli acquirenti paga in euro o dollari.

Con il decreto 172, emanato a marzo, gli acquirenti devono partecipare a un nuovo sistema di pagamento che prevede l’apertura di due conti presso Gazprombank.

Il denaro viene versato su un conto in euro o dollari prima di essere convertito dalla banca in rubli e pagato a Gazprom dal secondo conto. Solo a quel punto si ritiene che l’acquirente abbia adempiuto all’obbligo legale di pagare il gas.

Cosa dice l’Europa

I leader europei, tra cui la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, hanno affermato che non avrebbero seguito l’ordinanza di Putin.

L’analisi preliminare dell’UE, pubblicata all’inizio di questo mese, ha rilevato che ciò costituirebbe una violazione delle sanzioni imposte al Cremlino. Questo perché il processo di conversione valutaria coinvolge la banca centrale russa, che è soggetta a sanzioni.

Poiché il processo di conversione può richiedere un periodo di tempo indefinito, durante il quale la valuta estera è interamente nelle mani delle autorità russe, compresa la banca centrale, può anche essere considerata un prestito concesso dalle società dell’UE“, ha affermato la commissione.

I funzionari dell’UE hanno confermato che qualsiasi società che accetti di aprire un conto in rubli in Russia e pagare il gas in questo modo violerebbe le sanzioni.

La scappatoia legale

Secondo ulteriori indicazioni emesse dall’UE la scorsa settimana, il decreto del Cremlino non impedisce agli importatori di gas di chiedere a Gazprom di accettare che l’acquisto sia legalmente completato una volta che il primo pagamento, in euro o dollari, è stato depositato presso Gazprombank.

Qualsiasi conversione in rubli avverrebbe successivamente, il che significa che l’acquirente non avrebbe tecnicamente violato le sanzioni. Un’altra opzione, afferma la guida, è che gli acquirenti facciano una dichiarazione pubblica che considerano l’acquisto completato una volta effettuato il pagamento in dollari o euro. L’unico ostacolo a ciò, secondo la guida, è la necessità di “conferma da parte russa” che tutto ciò è conforme al decreto 172.

In altre parole, Gazprom – o meglio il Cremlino – deve essere d’accordo. Gazprom e Gazprombank non sono soggette alle sanzioni dell’UE, quindi gli acquirenti sono autorizzati a negoziare tali proposte senza violare le sanzioni.

Questa apparente scappatoia legale offusca notevolmente il quadro sulla vera natura delle sanzioni verso Putin.

Perché la Russia vuole pagamenti in rubli?

La svolta di Putin sulle esportazioni di gas russe fa parte di una strategia progettata per sostenere l’economia che è stata annunciata poco dopo l’inizio della guerra.

La decisione dell’Occidente di imporre sanzioni ha provocato un forte calo del valore del rublo e aumentato la minaccia di iperinflazione. In risposta, la Russia ha imposto severi controlli sui capitali in base ai quali le società esportatrici sono state costrette a convertire i loro guadagni in valuta estera in rubli.

Liam Peach, un economista dei mercati emergenti di Capital Economics, ha affermato che i controlli sui capitali hanno reso il rublo più forte, aiutando la ripresa del rublo ai livelli pre-invasione rispetto al dollaro.

Peach ha affermato che l’azione contro Polonia e Bulgaria non avrà un grande impatto economico sulla Russia.

“Gli importatori europei continueranno a pagare la banca Gazprom in euro, che poi convertirà in rubli. Non fa una grande differenza”, ha detto. “Politicamente, Putin sta cercando di dimostrare che la Russia resiste alle sanzioni ed è in grado di esercitare un po’ di pressione politica”.

In questo caso l’Europa sta cedendo al braccio di ferro imposto dalla Russia che ha ritorto le sanzioni contro l’Europa stessa.

Di Alessandro Trizio

Consulente Senior di bonifica reputazionale e crisis management. Ha studiato politica nazionale e geopolitica e vissuto in molti Paesi mediorientali dove ha approfondito i rapporti internazionali

Lascia un commento