Devastanti inondazioni nel Corno d’Africa

Devastanti inondazioni  nel Corno d’Africa

Le Nazioni Unite stanno intensificando le operazioni umanitarie salvavita in risposta alle gravi inondazioni in gran parte del Corno d’Africa.

Le massicce inondazioni dopo mesi di piogge insolitamente intense stanno causando il caos in Somalia, Kenya, Sudan del Sud ed Etiopia. Le Nazioni Unite riferiscono che centinaia di migliaia di persone sono state sfollate, decine di migliaia di animali sono stati uccisi dalle avverse condizioni meteo, tante le proprietà distrutte e mezzi di sostentamento in fumo.

Jens Laerke, portavoce dell’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari, afferma che circa 220.000 degli oltre mezzo milione di persone colpite dall’alluvione in Etiopia sono senza tetto.

Nel Sud Sudan, le inondazioni da luglio hanno colpito oltre 900.000 persone, inclusi sfollati interni, rifugiati e comunità di accoglienza in cui vivono“, ha affermato. “È probabile che le piogge continuino nel Sudan del Sud per altre 4-6 settimane e questo metterà ancora più persone a rischio. Prevediamo notevoli danni a colture, seminativi e bestiame.

Anche prima che iniziassero le piogge, Laerke afferma che oltre 3 milioni di persone avevano bisogno di assistenza umanitaria. Dice che è probabile che il numero aumenti, soprattutto perché oltre il 60% delle contee colpite dall’alluvione sta affrontando livelli estremi di malnutrizione acuta.

Scenari simili di devastazione si stanno verificando in Somalia e in Kenya. Le Nazioni Unite comunicano che tutti e quattro i paesi hanno urgentemente bisogno di aiuti salvavita per riprendersi da questo disastro.

Le esigenze prioritarie comprendono cibo, acqua, alloggi e servizi sanitari. Le agenzie avvertono che l’inondazione sta causando un’impennata delle malattie trasmesse dall’acqua, della malaria e del colera. Le campagne di promozione della salute rivolte alle comunità colpite dalle alluvioni devono essere accelerate per prevenire la diffusione di queste malattie.

Le Nazioni Unite fanno appello a donatori internazionali per fondi a sostegno di operazioni salvavita. Non è stata ancora effettuata una valutazione totale dei danni. Tuttavia, Laerke afferma che la quantità di denaro richiesta sarà notevole. Ad esempio, le Nazioni Unite stimano che il Sud Sudan da solo richiederà 35 milioni di dollari in aiuti di emergenza.