Commercio UE-Giappone: cinque cose sul più grande affare del mondo

Commercio UE-Giappone: cinque cose sul più grande affare del mondo

Vino e formaggio meno cari per il Giappone, auto più economiche per l’UE – ecco una parte di ciò che significa l’accordo commerciale UE-Giappone, ora in vigore.

Il più grande affare del mondo, copre quasi un terzo del PIL globale e 635 milioni di persone.

Tuttavia ci sono possibilità sul fatto che il Regno Unito potrebbe perdere i suoi benefici se lascia l’UE senza un accordo.

Arriva una guerra commerciale tra gli Stati Uniti e la Cina, che hanno giocato sulle tariffe dei rispettivi prodotti.

Jean-Claude Juncker, membro dell’UE, ha dichiarato che il patto, che ha richiesto anni per essere approvato, riguardava “valori e principi”.

Il succo dell’accordo riguarda l’abbattimento dei dazi sui prodotti, rispettivamente del 97% e del 99% delle importazioni giapponesi ed europee.

I prodotti lattiero-caseari e altri prodotti alimentari sono tra le maggiori esportazioni dell’UE in Giappone e la progressiva riduzione di quasi 1 miliardo di dollari di tariffe: quasi il 40% di carne bovina, fino al 30% di cioccolato, il 15% di vino e fino al 40% sul formaggio potrebbero aumentare le esportazioni e creare posti di lavoro.

Per la UE invece si ridurrà a zero i dazi del 10% delle importazioni di automobili entro il 2027. Il governo giapponese stima che potrebbe aumentare il PIL dell’1%.

Tuttavia, l’accordo offre anche un migliore accesso alle imprese di servizi, consentendo loro di fare offerte per più appalti pubblici.

Le esportazioni di servizi europei verso il Giappone attualmente valgono 28 miliardi di euro all’anno. L’UE afferma che le aziende che vendono servizi commerciali, finanziari, di telecomunicazione, di trasporto e di distribuzione sono quelle che ne beneficeranno maggiormente.

Il Giappone come test del libero scambio

Il Giappone non è stato, storicamente, molto attivo nei colloqui di libero scambio a livello internazionale, ma ora la situazione è cambiata.

I negoziati per salvare un accordo commerciale del Pacifico, l’accordo completo e progressivo per la partnership Trans-Pacific, o CPTPP dopo che gli Stati Uniti si sono ritirati, sono le mosse principali di un nuovo Giappone.

Il CPTPP è entrato in vigore all’inizio di quest’anno e taglia le tariffe tra 11 stati – Australia, Brunei Darussalam, Canada, Cile, Giappone, Malesia, Messico, Perù, Nuova Zelanda, Singapore e Vietnam – con 500 milioni di abitanti.

Questo e il suo accordo con l’UE fanno prevedere che il 2019 vedrà il Giappone entrare in una sfera di libero scambio di un miliardo di persone.

L’anno scorso Jun Yamazaki, ambasciatore del Giappone a Singapore, ha rivelato che cosa c’era dietro il nuovo approccio del Giappone.

Il nostro paese non produce risorse naturali: la nostra forza sono le persone – una popolazione istruita che è abbastanza diligente nel fare le cose“, ha detto.

E per utilizzare questa risorsa, dobbiamo interagire con il mondo esterno, e ciò significa sicuramente il libero scambio e la creazione di un clima di investimenti più liberale“.

La componente climatica

L’accordo sul clima di Parigi è stato molto importante per l’UE che fino a quando gli Stati Uniti non si sono ritirati univa il mondo intero per prevenire il riscaldamento globale riducendo le emissioni inquinanti.

L’UE e il Giappone hanno visto che il commercio globale potrebbe dare un “contributo positivo” nella lotta contro l’aumento delle temperature.

Lo scorso febbraio Cecilia Malmstrom, commissaria europea per il commercio, ha affermato che sarebbe necessario un riferimento all’accordo di Parigi in tutti i nuovi accordi commerciali.

Tuttavia alcuni attivisti si sono chiesti se l’UE sarebbe disposta a rischiare i propri accordi commerciali insistendo sulla conformità all’accordo di Parigi.

Mentre il Giappone, l’Europa e le nazioni confinanti con il Pacifico smantellano i blocchi e i dazi, le due maggiori economie del mondo sono impegnate ad aumentarle.

Gli Stati Uniti hanno dato uno vero e proprio colpo tramite le tariffe doganali per $ 250 miliardi alle importazioni dalla Cina e minacciano di aumentare la maggior parte di esse dal 10% al 25%, mentre la Cina ha applicato tariffe per $ 110 miliardi di importazioni dagli Stati Uniti.

Ma le loro aziende potrebbero perdere anche in altri mercati. La carne bovina americana potrebbe perdere terreno in Giappone ora che la carne bovina europea è meno costosa, mentre le auto americane potrebbero diventare meno competitive nelle nazioni del CPTPP dove le auto giapponesi sono diventate più economiche.

Il Giappone sta per iniziare i negoziati con gli Stati Uniti per un accordo commerciale bilaterale. I negoziati tra UE e USA sono in fase di stallo, mentre i colloqui tra Cina, Giappone e Corea del Sud su un accordo commerciale non hanno ancora portato a nessun risultato.

I nuovi accordi globali vanno ben oltre il semplice obiettivo commerciale, sono una vera e propria arma economica che gli Stati non possono più sottovalutare. Il mondo diventa sempre più interconnesso ed essere fuori da questi accordi, come potrebbe capitare all’Inghilterra, può fare la differenza sul futuro delle nazioni interessate.


Articoli correlati

Roma. Due esplosioni in strada

“Un gesto dimostrativo” facendo esplodere un “ordigno che non era atto ad offendere” quello che è esploso in aria a Roma,

Energie rinnovabili, l’intervento del Ministro Di Maio

Il Ministro Luigi Di Maio è intervenuto a Roma all’evento “Le rinnovabili al centro della transizione energetica”. Intervento del Ministro

Renzi: “Berlusconi potrebbe rivivere per masochismo sinistra”

Il premier Matteo Renzi ha dichiarato nei giorni scorsi che solo la parte “masochista” della sinistra italiana può far rivivere