Trizio Consulting

Cinque vaccini del passato. Come funzionavano

Cinque vaccini del passato. Come funzionavano
Trizio Consulting

Mentre i governi iniziano a lanciare le più grandi campagne di vaccinazione della storia, uno sguardo alle campagne di vaccini nel passato offre informazioni sugli errori da evitare.

Gli scienziati hanno sviluppato vaccini meno di un anno dopo l’identificazione del Covid-19, un riflesso dei notevoli progressi nella tecnologia dei vaccini. Ma i progressi nella distribuzione dei vaccini sono un’altra storia.

Molte domande che sono sorte durante l’implementazione dei vaccini decenni fa sono ancora dibattute oggi. Come dovrebbero coordinarsi le autorità locali? Chi dovrebbe vaccinarsi per primo? Cosa dovrebbero fare i funzionari riguardo alla resistenza al vaccino nelle comunità? Bisogna dare la priorità ai luoghi più colpiti? Chi dovrebbe pagare?

Alcune risposte possono essere trovate nei successi e nei fallimenti delle campagne vaccinali negli ultimi due secoli.

1803 vaccino per il vaiolo

Nel 1796, una volta che lo scienziato Edward Jenner scoprì che le persone infettate dal vaiolo bovino diventarono immuni al vaiolo, i medici andarono di città in città in Inghilterra, diffondendo deliberatamente il vaiolo distribuendo materiale infetto nelle braccia delle persone.

L’implementazione ha funzionato a livello locale, ma come poteva essere distribuita a persone in luoghi lontani, come nelle Americhe, dove il vaiolo aveva devastato le popolazioni? Nel 1803, il governo spagnolo mise 22 orfani su una nave nei suoi territori in Sud America. Il medico capo, Francisco Xavier de Balmis, e il suo team hanno iniettato il vaiolo bovino in due dei ragazzi e poi, una volta che le piaghe si sono sviluppate, hanno prelevato materiale dalle piaghe e lo hanno inserito nelle braccia di altri due ragazzi.

Quando la squadra è arrivata nelle Americhe, solo un ragazzo era ancora infetto. La distribuzione dei vaccini nei territori spagnoli non era sistematica, ma alla fine i membri della spedizione spagnola hanno lavorato con le autorità politiche, religiose e mediche locali per istituire cliniche di vaccinazione. Più di 100.000 persone in Messico hanno ricevuto vaccinazioni gratuite entro il 1805.

1947: di nuovo il vaiolo

Nel 20° secolo, quando gli scienziati avevano capito come conservare e produrre in massa il vaccino contro il vaiolo, i focolai erano stati generalmente contenuti.

Ma un’epidemia nel 1947 a New York City, poco prima di una parata della domenica di Pasqua in un fine settimana caldo, ha posto un grosso problema. Il commissario per la salute della città dell’epoca, Israel Weinstein, chiese a tutti di vaccinarsi, anche se avevano ricevuto la vaccinazione da bambini. Manifesti sparsi per la città avvertivano: “Sii sicuro. Stai attento. Fatti vaccinare! “.

La distribuzione è stata rapida e ben orchestrata. Volontari e operatori sanitari professionali sono andati nelle scuole, offrendo vaccini agli studenti. A quel tempo, il pubblico aveva una forte fiducia nella comunità medica e il moderno movimento anti-vaccinazione esisteva a malapena. In meno di un mese, più di sei milioni di newyorkesi furono vaccinati e la città finì per registrare solo 12 infezioni e due morti.

1955 lotta alla Polio

Vaccini nella storia, Polio

Il 12 aprile 1955, il governo degli Stati Uniti ha concesso in licenza il primo vaccino contro la poliomielite, creato dal dottor Jonas Salk , dopo che gli scienziati avevano annunciato quel giorno che era risultato essere efficace dall’80% al 90%.

Il giorno successivo, il New York Times ha riportato in un titolo in prima pagina : “L’offerta sarà scarsa per ora, ma la produzione sarà veloce”.

Funzionari sanitari statali e locali erano incaricati del rollout ai bambini, che erano maggiormente a rischio di contrarre la malattia.

I giovani ragazzi afroamericani venivano vaccinati, ma non erano in cima alla lista delle priorità a causa delle condizioni sociali dell’epoca“, ha detto il dottor René F. Najera, editore del progetto History of Vaccines presso il College di Physicians of Philadelphia. Notando che era difficile per i genitori che lavoravano nella classe operaia prendersi del tempo per stare in linea con i bambini nelle cliniche, il dottor Najera ha detto: “Lo vedi più e più volte, la storia si ripete”.

Poco dopo l’inizio del lancio, il programma è stato sospeso dopo che i bambini avevano contratto la poliomielite alle braccia dove avevano ricevuto la vaccinazione, piuttosto che alle gambe, che era più tipica della malattia.

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention, più di 250 casi di poliomielite sono stati attribuiti a vaccini difettosi, causati da un errore di fabbricazione da parte di uno dei produttori di farmaci coinvolti nello sforzo, Cutter Laboratories, con sede in California.

Il cosiddetto incidente Cutter ha portato a requisiti normativi più severi e il lancio del vaccino è continuato nell’autunno del 1955. Il vaccino ha prevenuto migliaia di casi di malattie paralizzanti, ha salvato vite e alla fine ha posto fine alla minaccia annuale di epidemie negli Stati Uniti.

1976: influenza suina

“La gravità è stata chiara oggi che il virus che ha causato la più grande epidemia mondiale di influenza nella storia moderna – la pandemia del 1918-19 – potrebbe essere tornata”, ha riferito il Times il 20 febbraio 1976.

A Fort Dix, a New York, era morto un militare a causa di un tipo di influenza suina che era geneticamente simile al virus che ha causato l’epidemia di influenza mortale a partire dal 1918. Il presidente Gerald Ford ha agito rapidamente, e il Congresso acquistò 200 milioni di dosi di vaccini per distribuirli gratuitamente tramite le agenzie sanitarie statali.

Ma la campagna ha avuto un inizio difficile, dopo che diverse persone sono morte subito dopo aver ricevuto iniezioni nella stessa clinica di Pittsburgh. Due mesi dopo, è emerso che alcuni soggetti vaccinati hanno sviluppato la sindrome di Guillain-Barré, una rara condizione neurologica in cui il sistema immunitario del corpo attacca i nervi. Le vaccinazioni furono sospese.

Alla fine, il virus non è stato rilevato al di fuori di Fort Dix e il soldato dell’esercito si è rivelato essere l’unica morte nota per il virus.

2009: H1N1

Il virus dell’influenza H1N1, che ha avuto origine in Messico, ha colpito nella primavera del 2009, non nella tipica stagione influenzale.

Entro la fine dell’estate era chiaro che il virus causava meno morti rispetto a molti ceppi influenzali stagionali e che alcuni dei primi rapporti dal Messico erano stati esagerati. Questo è stato uno dei motivi principali per cui molti americani hanno evitato il vaccino antinfluenzale quando fu pronto in autunno. Non era solo il movimento anti-vaccinazione, anche se questo era un fattore importante.

Il virus H1N1 era pericoloso per bambini e giovani adulti e sembrava avere un tasso di mortalità sproporzionatamente alto tra le donne in gravidanza. A causa di questi fattori, i primi gruppi ad essere vaccinati, dopo gli operatori sanitari, sono state le persone a più alto rischio di complicanze, donne in gravidanza e bambini.

L’ultimo gruppo ad essere idoneo per il vaccino erano le persone sane di età superiore ai 65 anni, che avevano meno probabilità di contrarlo perché sembravano aver avuto una certa resistenza al virus.