Cina e Russia sono partner. Un condotto gas dalla Siberia

Cina e Russia sono partner. Un condotto gas dalla Siberia

Attivata una conduttura di 2.800 km per iniziare a consegnare gas naturale russo alla Cina. Il canale da 55 miliardi di dollari è un’impresa di infrastrutture energetiche e ingegneria politica.

Il progetto energetico più significativo della Russia dal crollo dell’Unione Sovietica, il gasdotto Power of Siberia è un legame fisico che rafforza una nuova era di cooperazione tra due potenze mondiali che hanno sfidato separatamente gli Stati Uniti.

Pechino e Mosca, dopo anni di rivalità e reciproco sospetto, stanno espandendo un partenariato economico e strategico che influenza i mercati globali della politica, del commercio e dell’energia. Allo stesso tempo, Pechino sta combattendo una guerra commerciale con Washington e le relazioni della Russia con l’Occidente diventano più fredde.

La Cina e la Russia unendo le forze invia un messaggio che ci sono alternative all’ordine globale guidato dagli Stati Uniti“, ha affermato Erica Downs, della Columbia University ed ex analista energetico della CIA.

I presidenti Vladimir Putin e Xi Jinping guideranno la cerimonia di apertura della pipeline tramite collegamenti video. Xi ha descritto il leader russo come il suo “amico più intimo” tra i suoi colleghi stranieri.

La Russia, che ha le maggiori riserve di gas al mondo, ha bisogno di liquidità poiché la sua economia si piega sotto le sanzioni occidentali. La Cina, con la seconda economia più grande del mondo dopo gli Stati Uniti, ha bisogno di carburante e vuole liberarsi dal carbone.

La Cina ha bisogno di risorse energetiche e la Russia ha tali risorse“, ha detto Putin a ottobre. “Questa è una partnership assolutamente naturale e continuerà“.

La collaborazione è iniziata dopo che gli Stati Uniti e l’Unione Europea si sono uniti per punire Mosca per aver preso il controllo della penisola di Crimea in Ucraina nel 2014. Di fronte a dolorose sanzioni, il Cremlino si è rivolto a paesi non avversari.

La Russia ha annesso ufficialmente la Crimea nel marzo 2014. L’accordo sul gasdotto con la Cina è stato concluso a maggio 2014, in un accordo di fornitura di gas da 400 miliardi di dollari firmato dai presidenti Putin e Xi.

Da allora la cooperazione si è estesa agli ambiti militari. Nel settembre 2018, le truppe cinesi e russe hanno preso parte a manovre congiunte, è stata la prima volta che Mosca ha invitato un paese fuori da una cerchia ristretta di ex alleati sovietici ai suoi più grandi esercizi annuali.

Il commercio tra Russia e Cina ha raggiunto un livello record, superando i 100 miliardi di dollari, secondo i dati del governo russo.

Gli accordi commerciali

A giugno, la Huawei Technologies Co. cinese ha stretto un accordo con l’operatore mobile russo MTS per sviluppare una rete 5G in Russia, mentre era in una lista nera di esportazione negli Stati Uniti.

La Federal Communications Commission degli Stati Uniti ha etichettato Huawei e la cinese ZTE Corp. come una “minaccia alla sicurezza nazionale”. La mossa proibisce alle compagnie americane di utilizzare sussidi federali per acquistare o mantenere prodotti di quelle aziende. Huawei prevede di combattere legalment quella decisione; il suo fondatore ha dichiarato che la sua azienda “può sopravvivere molto bene senza gli Stati Uniti”

Mentre Mosca cerca di de-dollarizzare la sua economia, lo yuan cinese è diventato una parte più grande delle riserve di valuta estera della Russia, passando al 14,2% a marzo dal 5% dell’anno precedente, secondo dati della banca centrale russa. Il passaggio aiuta a rafforzare ulteriormente gli scambi poiché la Russia sembra fare più affari con la Cina in yuan.

L’alleanza non è priva di sfide. La cooperazione potrebbe essere intaccata da una competizione per influenza in regioni come l’Asia centrale. L’Estremo Oriente russo ha recentemente visto proteste contro le iniziative finanziate dalla Cina, come un impianto di imbottigliamento di acqua sul lago Baikal e il disboscamento del legname nelle foreste siberiane. La gente del posto ha definito l’afflusso di visitatori e imprese una “invasione cinese”.

L’economia cinese molto più grande, otto volte più grande di quella russa, le conferisce maggiore influenza nelle relazioni commerciali, mentre alcuni in Russia la vedono come il partner minore nelle relazioni.

Il nuovo accesso al gas naturale russo offre anche a Pechino la leva nella guerra commerciale con gli Stati Uniti, rendendo la Cina meno dipendente dal gas naturale liquefatto generalmente più costoso dell’America. Le spedizioni di gas naturale liquefatto americano stavano crescendo rapidamente fino a quando la Cina non ha introdotto una tariffa di importazione del 10% l’anno scorso. Dopo che Pechino ha aumentato la tariffa al 25% a maggio, le consegne di gas naturale dagli Stati Uniti sono state interrotte.

Se la guerra commerciale non fosse iniziata, gli Stati Uniti sarebbero stati una fonte molto promettente di crescita dell’approvvigionamento di gas per la Cina“, ha detto Hou Qijun, presidente di PetroChina , il principale produttore cinese di petrolio e gas. La società sta aumentando i suoi investimenti in progetti di gas russi, ha affermato Hou.

Alla domanda sul commercio di energia tra Cina e Russia, un portavoce della compagnia ha dichiarato che avrebbe “razionalmente acquistato [gas] in base alla domanda effettiva e ai costi di approvvigionamento“.

Tra Russia e Usa

L’ingresso della Russia nel mercato cinese del gas continuerà a rappresentare un grave ostacolo per i produttori statunitensi di gas naturale liquefatto, anche se Washington e Pechino concordano un accordo commerciale e abbassano le tariffe energetiche.

Il progetto Power of Siberia, costruito e gestito in Russia da Gazprom di proprietà statale, collegherà i giacimenti di gas della Siberia con gli hub industriali settentrionali della Cina, attraverso terreni inospitali: paludi, montagne e permafrost, a temperature inferiori a -60 gradi.

Alla stazione di compressione Atamanskaya, dove il gas verrà pressurizzato prima che entri in Cina a 90 miglia di distanza, l’ingegnere Pavel Vesnin camminava tra dozzine di valvole e rubinetti e puntava con un pennarello bianco sul terreno.

“La conduttura è così grande che posso camminarci dentro quasi senza piegare la schiena”, ha detto.