Christchurch: 49 morti in attacchi alla moschea in Nuova Zelanda

Christchurch: 49 morti in attacchi alla moschea in Nuova Zelanda

Quarantanove persone sono state uccise e almeno 50 ferite (ma purtroppo sono numeri provvisori) in sparatorie a due moschee a Christchurch, in Nuova Zelanda.

Il primo ministro Jacinda Ardern ha descritto la tragedia come un attacco terroristico e uno dei “giorni più bui” della Nuova Zelanda.

Un uomo poco più che ventenne è stato accusato di omicidio e comparirà in tribunale sabato mattina, lo ha confermato la polizia.

L’attentatore di una delle moschee

Altri due uomini e una donna sono stati arrestati nelle vicinanze e le armi da fuoco in loro possesso sono state sequestrate.

Una di quelle persone è stata successivamente rilasciata, mentre gli agenti stavano lavorando per capire se gli altri due erano collegati alle sparatorie.

La polizia ha anche trovato più dispositivi esplosivi in ​​un’auto appartenente a uno dei sospettati.

L’attacco, che è avvenuto nel periodo in cui le persone frequentavano le moschee per le preghiere del venerdì, è stato il più letale nella storia della nazione.

Uno degli attentatori ha ripreso in diretta l’attacco su Facebook, girato con una telecamera montata sulla testa. Il filmato mostrava che sparava indiscriminatamente a uomini, donne e bambini da distanza ravvicinata all’interno della moschea di Al-Noor.

La polizia ha invitato il pubblico a non condividere il filmato “estremamente angosciante” online. Facebook ha detto di aver rimosso gli account di Facebook e Instagram e ha lavorato per rimuovere qualsiasi copia del filmato.

Sembra che il sospetto accusato di aver pubblicato un manifesto prima dell’attacco sottolineando le sue intenzioni, in cui si è identificato come un cittadino australiano di 28 anni e di aver sposato l’ideologia dell’estrema destra e dell’anti-immigrazione.

Il primo ministro australiano Scott Morrison ha descritto l’uomo come un terrorista “estremista, di destra”. Il commissario di polizia Bush ha confermato che l’uomo non era noto ai servizi di sicurezza della Nuova Zelanda o dell’Australia.

Le armi usate per l’attentato

La polizia neozelandese ha dichiarato su Twitter che alcuni agenti erano presenti in una proprietà nella città di Dunedin in relazione all’attacco a Christchurch.

È chiaro che questo può ora essere descritto solo come un attacco terroristico“, ha detto il primo ministro Ardern in una conferenza stampa.

Cosa sappiamo a questo punto?

Il primo rapporto di un attacco è arrivato dalla moschea Al Noor, situata nel centro di Christchurch. Testimoni hanno riferito ai media locali di essere scappati via correndo per salvarsi la vita, e hanno visto persone che sanguinavano a terra all’esterno dell’edificio.

Una seconda moschea nel sobborgo di Linwood è stata evacuata, ma c’erano meno dettagli da quel sito. La polizia ha anche disinnescato “diverse bombe attaccate ai veicoli”, ha affermato Bush.

Le autorità consigliano a tutte le moschee della città di chiudere fino a nuovo ordine. La polizia armata è stata anche vista alla Papanui High School di Christchurch, che è stata isolata e protetta.

Cosa è successo alle moschee?

La sequenza di eventi non è chiara e proviene principalmente dal video dell’assassino o dai rapporti dei testimoni oculari ai media locali. Le immagini dell’attentatore lo mostrano mentre guidava fino alla moschea di Al Noor, prima di prendere le armi dalla sua auto, entrare nella moschea e sparare.

Un sopravvissuto della moschea ha detto a TV New Zealand di aver visto un uomo armato sparare a un uomo direttamente nel petto. L’aggressore avrebbe preso di mira la sala di preghiera degli uomini nella moschea, quindi si è trasferito nella stanza delle donne.

Quello che ho fatto è stato semplicemente aspettare e pregare, per favore, fai che questo ragazzo finisca i proiettili“, ha detto il testimone. “È venuto da questa parte, ha sparato, è andato in un’altra stanza ed è andato nella sezione delle donne e le ha uccise. Ho appena sentito che una delle signore è morta“.

Un palestinese che ha chiesto di non essere riconosciuto ha riferito all’agenzia di stampa AFP di aver sentito sparare rapidamente e ha visto un uomo colpito alla testa.

Ho sentito tre colpi veloci, poi dopo circa 10 secondi ha ricominciato – doveva essere un fucile automatico, nessuno poteva premere un grilletto così veloce“, ha detto. “Poi la gente ha iniziato a correre fuori, alcuni erano coperti di sangue.

Anche una seconda moschea nel sobborgo di Linwood è stata evacuata. Il commissario della polizia ha detto che ci sono “vittime”.

Come hanno risposto le autorità?

Molte vittime sono state portate all’ospedale di Christchurch dove c’era una forte presenza della polizia. Una portavoce ha detto che il Canberbury District Health Board (CDHB) ha attivato il suo piano di emergenza.

La polizia ha immediatamente cancellato una manifestazione prevista a Cathedral Square, dove migliaia di bambini avevano organizzato una manifestazione sui cambiamenti climatici.

Il commissario di polizia Bush ha dichiarato: “La polizia sta rispondendo con la sua piena capacità di gestire la situazione, ma l’ambiente di rischio rimane estremamente alto e la polizia raccomanda ai residenti di Christchurch di rimanere in casa fino a nuovo ordine“.


Articoli correlati

La droga invisibile che non viene rilevata

Nuovi potenti psicotropi sintetici superano inosservati i controlli in più di nove laboratori italiani su dieci, impreparati all’analisi delle molecole

Milano. Immigrato arrestato perchè implicato attacco Museo Bardo

Un giovane ventiduenne marocchino è stato arrestato dalla polizia italiana, nel milanese, per aver partecipato all’attentato mortale al museo del

Contratto Green Network luce e gas. Cosa offre, come disdire o recedere

Il Contratto Green Network luce e gas è il sunto dei valori del gruppo nato nel 2003, a seguito della liberalizzazione del