CES 2018: Kodak vola sui miner KodakCoin e Bitcoin

CES 2018: Kodak vola sui miner KodakCoin e Bitcoin

Le azioni nella società fotografica Eastman Kodak sono aumentate di quasi il 120% dopo che ha rivelato l’intenzione di coniare la sua criptovaluta, la KodakCoin.

L’azienda statunitense ha dichiarato di collaborare con il Wenn Media Group di Londra per realizzare l’offerta iniziale di monete (ICO).

Fa parte di un’iniziativa basata su blockchain per aiutare i fotografi a controllare i loro diritti di immagine.

Kodak ha inoltre pianificato dettagliatamente l’installazione di file di piattaforme di mining Bitcoin presso la propria sede a Rochester, New York.

I dettagli di questo secondo schema – che è stato chiamato Kodak KashMiner – sono stati delineati al CES tech show di Las Vegas.

I clienti pagheranno in anticipo per affittare la capacità mineraria.

Kodak è l’ultimo di una serie di società a vedere il suo valore moltiplicato dopo aver rivelato i piani per attività legate alla blockchain.

Questo è un fenomeno che abbiamo visto durante i comizi pubblicitari alla fine degli anni ’90, quando le aziende tradizionali menzionavano una sorta di strategia di internet e il loro prezzo azionario impazziva“, ha commentato Garrick Hileman dell’Università di Cambridge.

Quando vedi i prezzi delle azioni muoversi in questo modo sembra preoccupante – è difficile dire se c’è una bolla, ma è certamente indicativa di un mercato degli investimenti molto attivo“.

Creazione di monete

La Kodak era notoriamente lenta nell’entrare nella rivoluzione digitale e la sua esitazione a lasciarsi alle spalle il patrimonio cinematografico costò all’azienda il mercato che aveva costruito negli anni.

Dal suo crollo nel 2012, Kodak ha concesso in licenza il proprio marchio a una varietà di produttori, con il marchio che appare su batterie, stampanti, droni, tablet PC e fotocamere digitali.

L’operazione di KashMiner sarà gestita da Spotlite, un licenziatario che in precedenza aveva collaborato con Kodak per utilizzare il marchio per commercializzare le luci a LED.

L’estrazione mineraria di criptomonete comporta l’esecuzione di compiti intensivi per il processore per risolvere complicati problemi matematici al fine di verificare le transazioni di criptovalute.

Tutti i Bitcoin generati da Kodak KashMiner saranno condivisi tra il cliente e l’azienda.

Ognuna delle macchine miner – che include processori per computer e ventilatori per mantenerle fresche – utilizzerà circa la stessa quantità di elettricità di un asciugacapelli 24 ore su 24.

Ma lo schema sarà in grado di trarre vantaggio dall’impianto di produzione di energia in loco di Kodak, che ha avuto capacità inutilizzate dai tempi d’oro di Kodak.

La compagnia dice che può alimentare ogni impianto di miner per quattro centesimi per kilowattora, il che è significativamente più economico di un impianto di estrazione a casa.

Al valore attuale di Bitcoin, un investimento iniziale di $ 4,000 per 24 mesi di attività mineraria potrebbe fruttare un profitto di $ 500 al mese, ha detto Halston Mikail di Spotlite.

Ma chiunque sperasse di unirsi alla scommessa di Kodak deve aspettare, poiché la capacità è già esaurita.

In questo momento abbiamo 80 minatori e ci aspettiamo che arrivino altri 300. C’è una grande quantità di domanda“.

Il bitcoin è notoriamente volatile e alcuni analisti temono che il suo valore potrebbe crollare, con conseguente perdita per coloro che avevano pagato in anticipo per la capacità mineraria.

Il bitcoin potrebbe essere una bolla, ma l’industria dei blockchain non è una bolla“, afferma Mikail.

È una solida piattaforma costruita sulla matematica e sopravviverà“.


Articoli correlati

Pokemon go e problemi di server. In vendita account di alto livello

Quattro anni fa, uno sviluppatore poco conosciuto chiamato Niantic creò Ingress. Era un gioco mobile basato sui luoghi reali, un gioco che pose le

Reato di depistaggio e inquinamento processuale. E’ legge

L’articolo unico dell’A.C. 559-A, introduce nel codice penale la nuova fattispecie delittuosa di “depistaggio e inquinamento processuale”, riscrivendo l’art. 375

Roma. Violenza di gruppo su donna incinta

E’ una giovane donna di nazionalità somala, incinta di 7 mesi, una situazione che farebbe tenerezza a chiunque, qualunque persona,