Trizio Consulting

Carige, confermato il piano industriale

Carige, confermato il piano industriale
Trizio Consulting

Carige conferma il suo piano industriale anche nel periodo post emergenza Covid, sottolineando che non verranno ridotti ulteriormente i posti di lavoro.

E’ stato l’amministratore delegato Francesco Guido a darne notizia in un incontro con i sindacati, il primo dopo il lockdown, nel quale è stato confermato il piano industriale annunciato alla fine dello scorso anno e soprattutto è stata ribadita la volontà, da parte dell’istituto ligure, di rispettare gli accordi sindacali già presi.

Sono state le stesse firme del comparto bancario a confermare attraverso una nota: “Non verrà fatto ricorso a ulteriori riduzioni del costo del lavoro“, hanno sottolineato, aggiungendo che è stato ribadito, “rispetto alla tematica del wealth management, che non vi saranno discostamenti dal progetto indicato nell’accordo del novembre 2019“.

I rappresentanti sindacali hanno spiegato che l’amministratore delegato di Banca Carige si è anche impegnato nella programmazione di un incontro specifico, che si terrà con molta probabilità nel prossimo mese di ottobre, nel corso del quale illustrare in maniera approfondita la riorganizzazione aziendale. “Con l’occasione ci è stato comunicato che“, hanno aggiunto, “in coerenza con gli accordi presi, una prima tranche di assunzioni verrà effettuata nel mese di gennaio 2021“.

I sindacati hanno fatto sapere di aver richiamato in modo serio la “massima attenzione” sugli accordi che sono già in essere: un periodo come questo di emergenza rende necessario, secondo le firme, mettere in campo misure strutturali per ciò che riguarda la tenuta professionale e la salvaguardia di coloro che dovranno affrontare le ricadute legate alle chiusure degli sportelli già decise.

Un momento, come sottolinea Vilma Marrone, segretaria nazionale di First Cisl nel quale è necessario “passare dalle parole ai fatti“.