Bullismo: i violenti vogliono la popolarità

Bullismo: i violenti vogliono la popolarità

Il video circola da giorni sulle chat WhatsApp. Nelle immagini il 17enne, vittima dei soprusi, è messo all’angolo con una sedia da un compagno di classe che gli sferra calci di fronte ai compagni: dopo averle viste, i genitori del ragazzo hanno compreso perché il loro ragazzo fosse sempre pieno di lividi e non andasse a scuola volentieri. Le aggressioni sarebbe state anche quotidiane: i bulli toglievano la maglia al ragazzo e la usavano come cancellino della lavagna. Non solo aggressioni, quindi, ma anche umiliazioni. “E’ un ragazzo molto introverso, chiuso, ma che ha sempre avuto un brillante rendimento scolastico – riferisce l’avvocato Montagna – Da settembre, da quando sarebbero iniziati questi episodi, invece è calato notevolmente”.

Spesso l’obiettivo dei bulli è essere rilanciati sui giornali nazionali e in rete

“Sicuro che stai registrando?”, dice uno dei due. “Sì”, risponde l’altro. Poi, in dialetto leccese: “Così lo mettiamo a posto proprio”. “Ma a tutto io devo pensare?”, è la conclusione del dialogo.

In quei mesi segnati dalle violenze dei bulli della classe, il 17enne aveva sempre negato ai genitori di avere problemi con i coetanei. Il 7 aprile, poi, la madre ha ricevuto su WhatsAppil video in cui il figlio viene preso a calci e colpito con una sedia. A quel punto hanno deciso di denunciare l’accaduto e presentare un esposto alla Procura di Lecce. “È un ragazzo molto introverso, chiuso ma che ha sempre avuto un brillante rendimento scolastico – racconta al Corriere della Sera l’avvocato Giovanni Montagna – da settembre, da quando sarebbero iniziati questi episodi, invece è calato notevolmente”. Adesso la procura di Lecce dovrà far luce su quanti fossero i compagni di classe che lo vessavano.


Articoli correlati

Pd. Renzi vince. Cosa succede ora

Renzi vince le Primarie del Pd, anche se alla Spezia, città natale del ministro Andrea Orlando, viene distanziato di poco

Divorzio breve: da 6 a 12 mesi per dirsi addio

Il divorzio breve potrebbe diventare realtà. Oggi infatti potrebbe uscire la legge che segnerebbe un cambio di rotta significativo rispetto

Renzi si dimette: ‘Sconfitta chiara. Ora nuova pagina del Pd’.

“Come sapete e come è doveroso, mi pare che abbiamo riconosciuto con chiarezza che si tratta di una sconfitta netta,