Berna. Strage familiare. Morti tre napoletani

Berna. Strage familiare. Morti tre napoletani

La tragedia si è consumata in un attimo, poco prima dell’alba. Alle 5,15 di ieri qualcuno ha chiamato il numero di emergenza della polizia di Interlaken – centro di seimila persone nella regione dell’Oberland – per attivare l’emergenza per una furiosa lite condominiale. Quando gli agenti sono arrivati sul posto hanno scoperto i corpi di tre persone agonizzanti. Nel salone al piano terra di un elegante villino di una zona residenziale di Unterseen giacevano nel sangue una dona e due uomini. Tutti e tre napoletani.

Fonti investigative cantonesi confermano ciò che sarebbe successo secondo i primi rilevamenti: «Un uomo e una donna sono stati trovati morti – si legge nella nota degli investigatori – mentre un terzo uomo è deceduto poco dopo il ricovero in ospedale». Un mistero. Le tre vittime sono tutte originarie di Napoli. Due le identità accertate: quelle di Pasquale Orefice e di sua moglie, Anna Esposito. Vivevano in Svizzera da 25 anni. Lui era un noto imprenditore del settore ittico: riforniva di pesce i migliori alberghi e ristoranti di Interlaken. Non ancora chiara l’identità della terza vittima, anche se – stando a notizie filtrate dal fitto riserbo degli inquirenti – dovrebbe trattarsi di un parente della donna. Forse il fratello.


Articoli correlati

Il coniuge cambia sesso? Per la cassazione il matrimonio resta valido

Succede in Emilia, dove una coppia sposata con nozze concordatarie aveva ricevuto un reclamo di cessazione dell’unione in seguito alla “domanda

Vodafone Italia, nel nuovo piano 1.130 esuberi

Vodafone Italia ha presentato il piano industriale ai sindacati e avviato un dialogo «per condividere una ridefinizione complessiva del modello operativo

Parco del Pollino: 10 morti, vivi i tre dati per dispersi

Sono state ritrovate vive le tre persone che risultavano ufficialmente disperse nella gola del Raganello, in Calabria, dove un’ondata di