Apple, 1 mld per produrre contenuti tv

Apple, 1 mld per produrre contenuti tv

Apple vuole investire un miliardo di dollari per creare contenuti audiovisivi originali nel 2018, entrando così in un campo per ora comandato da Netflix, Hulu e Amazon. Lo dice il Wall Street Journal, secondo cui Apple potrebbe acquistare e produrre fino a 10 serie tv, da distribuire sulla piattaforma Apple Music o su un nuovo servizio dedicato ai video.

L’enorme cifra sarebbe nelle mani di Jamie Erlicht e Zack Van Amburg, due ex di Sony incaricati della strategia video e dell’acquisizione di contenuti. Entrambi avrebbero già iniziato a incontrare agenti di Hollywood. I costi dei programmi potrebbero spaziare dai 2 milioni di dollari a puntata per serie tv che rientrano nel genere della commedia, a 5 milioni per le serie drammatiche. A confronto, produzioni di fascia alta come “Il trono di spade” della Hbo possono costare anche più di 10 milioni a puntata.

Il budget di Apple è in linea con quello di Amazon nel 2013, agli esordi nel settore. E’ invece la metà dei 2 miliardi spesi da Netflix sempre nel 2013, anno in cui lanciò le serie “House of cards” e “Orange is the new black”. Quest’anno la spesa di Netflix dovrebbe superare i 6 miliardi.

Apple, che già noleggia film e serie tv attraverso la piattaforma iTunes, finora ha lanciato due produzioni audiovisive originali dedicate agli abbonati al servizio Apple Music: il talent show “Planet of the apps”, lanciato a giugno, e “Carpool Karaoke”, lanciato la settimana scorsa.


Articoli correlati

Napoli, Milik al fianco di Sarri: “E’ un allenatore speciale”

La squadra sostiene il mister dopo le polemiche esternazioni di Marassi e il dissidio a distanza con De Laurentiis. Quadrato

Venezia, 2019 nel segno Peggy Guggenheim

Karole Vail, nipote della mecenate e direttrice della Collezione Peggy Guggenheim, a Venezia, si illumina al pensiero di una delle

Renzi. L’Assemblea Nazionale per ripartire

“Si chiude il 2016, che per certi versi è stato un anno straordinario per gli eventi internazionali: l’elezione di Trump,