Apple, 1 mld per produrre contenuti tv

Apple, 1 mld per produrre contenuti tv

Apple vuole investire un miliardo di dollari per creare contenuti audiovisivi originali nel 2018, entrando così in un campo per ora comandato da Netflix, Hulu e Amazon. Lo dice il Wall Street Journal, secondo cui Apple potrebbe acquistare e produrre fino a 10 serie tv, da distribuire sulla piattaforma Apple Music o su un nuovo servizio dedicato ai video.

L’enorme cifra sarebbe nelle mani di Jamie Erlicht e Zack Van Amburg, due ex di Sony incaricati della strategia video e dell’acquisizione di contenuti. Entrambi avrebbero già iniziato a incontrare agenti di Hollywood. I costi dei programmi potrebbero spaziare dai 2 milioni di dollari a puntata per serie tv che rientrano nel genere della commedia, a 5 milioni per le serie drammatiche. A confronto, produzioni di fascia alta come “Il trono di spade” della Hbo possono costare anche più di 10 milioni a puntata.

Il budget di Apple è in linea con quello di Amazon nel 2013, agli esordi nel settore. E’ invece la metà dei 2 miliardi spesi da Netflix sempre nel 2013, anno in cui lanciò le serie “House of cards” e “Orange is the new black”. Quest’anno la spesa di Netflix dovrebbe superare i 6 miliardi.

Apple, che già noleggia film e serie tv attraverso la piattaforma iTunes, finora ha lanciato due produzioni audiovisive originali dedicate agli abbonati al servizio Apple Music: il talent show “Planet of the apps”, lanciato a giugno, e “Carpool Karaoke”, lanciato la settimana scorsa.


Articoli correlati

Colosseo, azzerata la soprintendenza Prosperetti: «Noi neanche avvertiti»

Il parco archeologico del Colosseo di fatto ancora non esiste, ma la soprintendenza speciale per il Colosseo e l’area archeologica

24 Maggio. Bolzano non festeggia l’anniversario

Bolzano, la sua provincia e i suoi amministratori non festeggeranno la ricorrenza della prima guerra mondiale. Il 24 maggio 1915

G7, in Baviera l’incontro tra le potenze mondiali

Baviera, 8 giugno – Il premier Matteo Renzi si dice soddisfatto dopo il primo incontro del G7, che si sta