Trizio Consulting

Allarme del G20 sull’economia, ‘rischi per la ripresa’

Allarme del G20 sull’economia, ‘rischi per la ripresa’
Trizio Consulting

Il G20 lancia l’allarme economia. Sottolineando l’importanza dell’istruzione “in tempi di crisi”, i leader dei 20 Paesi più industrializzati al mondo si impegnano a “continuare a usare tutti gli strumenti a disposizione” a sostegno di una ripresa globale “incerta” e sulla quale pesano “elevati rischi al ribasso”.

Il contenimento del virus, afferma il G20 nel comunicato finale, “è essenziale per sostenere” l’economia, che risente del nuovo aumento dei casi e delle nuove restrizioni imposte in diversi Paesi.

Di fronte a una ripresa in difficoltà, “un sistema di scambi multilaterali è più importante che mai”, così come sono essenziali le infrastrutture come “driver di crescita”. “Continuiamo i nostri sforzi per facilitare la ripresa dalla pandemia dei settori dei viaggi e del turismo”, aggiunge il G20. Nel contenimento del Covid un ruolo chiave lo giocano i vaccini. I grandi del mondo si impegnano a “non lesinare gli sforzi per un accesso equo ai vaccini, alle cure e alla diagnostica per tutti”, dicendosi pronti a rispondere “alle necessità finanziarie” per la distribuzione dei vaccini.

Ma dopo il summit è stata la cancelliera Angela Merkel a storcere il naso, dicendosi “preoccupata” per la lentezza delle discussioni sull’accesso dei Paesi poveri al vaccino anti-Covid. Il G20 ha messo poi l’accento sull’importanza della “continuità dell’istruzione in tempi di crisi tramite l’attuazione di misure per assicurare l’apprendimento di persona, un efficace qualità dell’insegnamento a distanza e un mix” dei due “come appropriato”. Un’istruzione “inclusiva, equa e di qualità per tutti è essenziale per un futuro migliore e per combattere le disuguaglianze”. Un accenno i grandi lo riservano anche alle donne, colpite in modo “sproporzionato” dalla crisi: “Lavoreremo per non ampliare le disuguaglianze di genere” e affinché la pandemia “non metta a rischio i progressi degli ultimi decenni”.