Trizio Consulting

Adidas: 250 mln di euro di danni dalla chiusura negozi in Russia

Adidas: 250 mln di euro di danni dalla chiusura negozi in Russia

Adidas ha avvertito il colpo alle vendite dovuto alla chiusura dei negozi in Russia e alle interruzioni dovute al COVID in Vietnam, ma una prospettiva più positiva per la Cina ha contribuito a far salire le azioni del gruppo tedesco di abbigliamento sportivo del 10% mercoledì.

La società gestisce circa 500 negozi in Russia, un quarto del totale, che lunedì ha dichiarato di aver chiuso insieme alle vendite online.

Per il 2022, Adidas prevede un aumento dell’11-13% delle vendite totali, compreso il rischio per le sue attività in Russia e Ucraina, con la Cina destinata a vedere un aumento delle vendite dopo un boicottaggio dei consumatori nel 2021.

La chiusura degli stabilimenti in Vietnam a causa del COVID-19 significa che la carenza di prodotti taglierà le vendite del primo trimestre di 600 milioni di euro (658 milioni di dollari) prima di un forte rimbalzo dal secondo trimestre, ha detto ai giornalisti il ​​CEO Kasper Rorsted.

Le azioni Adidas sono aumentate del 10,2% aiutate dalle prospettive relativamente ottimistiche per il 2022, in particolare per la Cina, con gli analisti che hanno notato che le previsioni sugli utili erano in anticipo rispetto alle aspettative di consenso.

Adidas ha affermato che la crisi in Ucraina ha rappresentato un calo per le vendite fino a 250 milioni di euro, circa la metà delle sue entrate nella regione nel 2021, ovvero circa l’1% delle vendite totali del gruppo.

Adidas aveva già registrato vendite per circa 100 milioni di euro prima della chiusura dei suoi negozi e potrebbe guadagnare altri 100 milioni se riprendesse le operazioni in Russia o se spostasse i prodotti su altri mercati.

Le vendite del quarto trimestre di Adidas sono diminuite del 24% in Cina. Adrian Siu nominato nuovo capo del business della regione asiatica è entrato in Adidas nel 2002 a Hong Kong, ma ha lasciato nel 2019 per dirigere il marchio cinese Cosmo Lady.

Adidas si aspetta che le vendite inizieranno a crescere in Cina a partire dal secondo trimestre, avendo fatto accordi con atleti locali e portando avanti un tentativo per progettare più prodotti appositamente per la Cina per competere con i marchi locali.

Giorgio Muscas

Giorgio Muscas

Esperto in criptovalute mi dedico all'economia e alla politica. Il giornalismo è la mia vera passione