La scuola | ExpoitalyOnline

La scuola

La scuola

Mamma ho paura!
Camminavo una mattina, un po’ frettolosa, coma la manina del mio bambino nella mia, ma la sua piccola mano tremava un po’.
Perché?
Il mio passo affrettato forse non gli dava sicurezza?
Perché?
No, non era questa la ragione, la ragione era tutto dentro la realtà della vita!
Lui, piccolo uomo, capiva che doveva dare ragione dell’esser suo, lui sapeva che la mia mano non lo stava accompagnando ai giardini per giocare con la palla per incontrare i suoi compagni bambini, lui, piccolo, aveva percepito che la vita lo chiamava ai suoi doveri, lui ormai era grande, la scuola lo chiamava e voleva da lui quello che era giusto fare. Studiare, imparare, pronto a diventare un uomo, un uomo vero.
La sua manina tremo’ un po’, la mia mano percepì che il mio bambino aveva capito, capito si che il piccolo era diventato grande.
Una lacrima scivolo’ dai miei occhi rigando il mio viso. Per felicità, o perché stringevo ormai la mano di un uomo?
Questo non lo saprò mai.
Giada Ray


Articoli correlati

Italia, amore mio

Non amare la terra che ti ha dato i natali è contro natura, ma andarle contro, cercare di distruggerla, vendendola

Neymar: ”Al Psg perché cercavo nuove sfide”

Ecco Neymar al Parco dei Principi, la sua nuova casa. Si presenta al mondo e al Psg, in sala ci sono

Innovazione spinge occupazione: imprese a caccia di 117.560 ‘tecnici’. Boom per apprendisti: +27,2% in un anno

La rivoluzione digitale e gli incentivi di Industria 4.0 contribuiscono a muovere il mercato del lavoro. Secondo una rilevazione di Confartigianato tra