Whatsapp si aggiorna. Ora invia qualsiasi tipo di file

Whatsapp si aggiorna. Ora invia qualsiasi tipo di file

D’ora in poi con WhatsApp si potrà condividere ogni tipo di file o documento, non solo pdf, foto e video. La novità è contenuta nell’ultimo aggiornamento dell’applicazione già disponibile per gli smartphone Android, anche in Italia, e in arrivo anche per gli iPhone, secondo quanto riportato dal sito Engadget.

Gli utilizzatori di WhatsApp, oltre il miliardo nel mondo e 22 milioni in Italia, potranno inviare via chat qualsiasi tipo di documento, dai documenti di testo alle cartelle compresse. Le dimensioni del file, si legge sul sito della compagnia, non potranno superare i 100 Megabyte. Con l’aggiornamento l’applicazione semplifica anche l’invio di foto e video, mostrando la galleria di scatti del telefonino quando si apre la fotocamera. WhatsApp inoltre non comprimerà più le immagini condivise, ma le farà inviare nella qualità originaria. Mentre si scrive si avrà poi la possibilità di selezionare il testo e modificarlo in grassetto, corsivo o barrato.

Sono anche altre le novità attese di WhatsApp, di cui si è avuta qualche anticipazione dalla versione “beta”, non ancora definitiva, della chat. In particolare la funzione per cancellare un messaggio inviato ma non ancora letto dal destinatario. Un’opzione utile per i messaggiatori pentiti, mentre più controversa è quella che tiene traccia dei movimenti degli amici per facilitare appuntamenti ed eventi, possibile arma nelle mani di stalker e pedinatori.


Articoli correlati

Unghia Hi-Tech per comandare smartphone e pc

Usare i polpastrelli delle dita per comandare i nostri dispositivi mobili sarà presto una pratica obsoleta. Arriva direttamente dal MIT

ISTAT: L’Italia è fuori dalla recessione

L’Italia è ufficialmente fuori dalla recessione. Lo ha riferito l’Istat mercoledì 13 maggio dopo che il PIL è aumentato dello

Alitalia in vendita. Il decreto e i testi della discussione originali

E’ stata messa in vendita quando il governo in carica era ancora quello di Gentiloni, ma il decreto passato più