UE, sale il bilancio dei programmi approvati: oggi la Commissione ne ha adottati altri 5

UE, sale il bilancio dei programmi approvati: oggi la Commissione ne ha adottati altri 5

Con il via libera odierno della Commissione europea a tre programmi operativi regionali (Sardegna, Friuli Venezia Giulia e Molise) e a due programmi operativi nazionali (“Città metropolitane” e “Ricerca e Innovazione”) sale il bilancio dei programmi del ciclo 2014-2020 approvati: 40 su 50. L’obiettivo del Governo italiano è quello di adottare i dieci rimanenti entro settembre. Lo ha indicato il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Claudio De Vincenti nel corso della cerimonia per la firma che si è svolta a Bruxelles, alla presenza della Commissaria Ue agli Affari regionali Corina Cretu.

In totale, sono 2,17 i miliardi di investimenti resi disponibili.

“Quelli adottati oggi – ha affermato De Vincenti- sono programmi che si concentrano su ricerca e innovazione, sul sostegno alle piccole e medie imprese, sull’agenda digitale ed economia a bassa emissione. Quindi contribuiranno a rafforzare crescita e occupazione. Siamo impegnati in un confronto ravvicinato con le Regioni che consentirà di portare a definizione tutti i programmi entro l’estate”.

Nel dettaglio, per i programmi regionali di Sardegna, Friuli Venezia Giulia e Molise vengono assegnati più di 1,3 miliardi (metà di fondi europei, metà di cofinanziamento nazionale). Quello per le 14 “Città metropolitane” (Bari, Bologna, Cagliari, Catania, Genova, Firenze, Messina, Milano, Napoli, Palermo, Reggio Calabria, Roma, Torino, Venezia) potrà contare su un bilancio di 892 milioni (588 dal Fesr e 304 dal cofinanziamento nazionale). Infine, il programma “Ricerca e Innovazione” (dedicato a Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Abruzzo, Molise e Sardegna) disporrà di 1,286 milioni (926 milioni da Fesr e Fse, 360 dal cofinanziamento regionale).

L’incontro è servito anche a fare un’analisi sul pieno utilizzo delle risorse assegnate all’Italia per la programmazione 2007-2013. Sia De Vincenti che Cretu lo hanno definito un “obiettivo politico di reciproco interesse”.


Articoli correlati

Movimento 5 stelle, il nuovo codice per vicende giudiziarie

Il “codice di comportamento del Movimento 5 Stelle in caso di coinvolgimento in vicende giudiziarie” è un documento rivoluzionario per

Rai. No dal presidente all’accesso agli atti dell’elezione di Foa

Negato al Pd l’accesso agli atti della votazione di ieri con cui la commissione di Vigilanza sulla Rai ha eletto Marcello Foa alla

Afghanistan, attacco armato al parlamento di Kabul

Uomini armati sono entrati al Parlamento a Kabul. Diverse esplosioni, una delle quali all’interno dell’aula della Camera afghana, e molti spari