Trizio Consulting

Siria. Milioni di civili senza aiuto se Stati Uniti e Russia non trovano accordo

Siria. Milioni di civili senza aiuto se Stati Uniti e Russia non trovano accordo
Trizio Consulting

Parti della Siria settentrionale affronteranno rapidamente una crisi umanitaria massiccia se il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite non riuscirà questa settimana a votare una risoluzione che consente alle Nazioni Unite di fornire aiuti attraverso il confine turco-siriano.

La risoluzione, che consente alle Nazioni Unite di coordinare le spedizioni di aiuti alla Siria attraverso un solo valico di frontiera, scadrà sabato. Milioni di siriani dipendenti dai soccorsi guidati dalle Nazioni Unite sarebbero immediatamente messi a rischio se decade.

La Russia ha promesso per quasi un anno di porre il veto a qualsiasi risoluzione che consenta di continuare gli aiuti transfrontalieri, considerando la sua distribuzione nelle aree detenute dagli oppositori del presidente Bashar al-Assad, alleato di Mosca, come una violazione della sovranità della Siria. L’amministrazione Biden è favorevole all’espansione degli aiuti transfrontalieri alla Siria e il dibattito sulla risoluzione è emerso come un test di alto profilo per stabilire se Stati Uniti e Russia, in un momento di crescenti tensioni, possano identificare questioni su cui creare un terreno comune.

Funzionari dell’amministrazione dal presidente Biden hanno descritto la questione degli aiuti come un esempio del tipo di cooperazione che desiderano dalla Russia mentre cercano un percorso verso accordi strategici a lungo termine su questioni di cyber e non proliferazione.

Sebbene Putin non abbia preso alcun impegno, il consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca Jake Sullivan ha dichiarato: “Crediamo che ci sia spazio per gli Stati Uniti e la Russia per lavorare insieme su un risultato positivo in modo che la risoluzione venga approvata, che l’attraversamento venga sostenuto e che altre misure per alleviare le sofferenze del popolo siriano sono adottati anche con gli Stati Uniti e la Russia che lavorano insieme”.

Martedì, al valico di Bab al-Hawa, i siriani che si preparano a tornare a casa dalla Turchia hanno descritto la schiacciante dipendenza dei parenti dagli aiuti umanitari. “Non c’è lavoro” nella provincia settentrionale di Idlib, in Siria, ha detto un uomo di 31 anni, riparandosi dal sole sotto un albero lungo un spartitraffico mentre un convoglio di veicoli delle Nazioni Unite passava veloce.

I suoi parenti a Idlib, sfollati da un’offensiva del governo siriano su larga scala, hanno ricevuto “tutto” dalle agenzie di aiuto, ha detto, inclusi contanti, cibo, detersivi e vestiti. “L’aiuto delle Nazioni Unite, dalla Turchia, è il motivo per cui le persone sono vive”, ha detto l’uomo, che ha parlato a condizione di anonimato per evitare di attirare l’attenzione delle autorità su entrambi i lati del confine.

“Sono una persona che fornisce assistenza a 26 persone”, ha detto l’uomo, che lavorava nell’edilizia in Turchia. “Non posso provvedere a questo numero di persone”.

Con circa 1.000 camion che trasportano aiuti al mese, l’operazione delle Nazioni Unite attraverso Bab al-Hawa “è una delle più grandi operazioni di aiuto in tutto il mondo”, ha affermato Cutts. Se la risoluzione scade sabato, “molte persone ne soffriranno. Si perderanno delle vite”.

Secondo Mahmoud Daher, capo della squadra di emergenza dell’Organizzazione mondiale della sanità con sede a Gaziantep, in Turchia, il sistema sanitario nel nord-ovest della Siria faceva affidamento sulle Nazioni Unite per circa il 40% dei suoi servizi. L’OMS, come altre agenzie delle Nazioni Unite, sta preposizionando le forniture nel nord-ovest della Siria, inclusi kit di emergenza per interventi chirurgici e forniture per focolai di coronavirus , scorte che potrebbero durare da quattro a sei mesi.

Ma non sarebbero sufficienti se le esigenze mediche nella provincia aumentassero, ha detto.