Trizio Consulting

Scandalo spyware in Ungheria

Scandalo spyware in Ungheria
Trizio Consulting

Il primo ministro ungherese, Viktor Orban, era già visto come poco democratico. In quasi una dozzina di anni al potere, ha trasformato la nascente democrazia liberale della sua nazione in una spina nel fianco dell’Unione Europea. I critici accusano Orban di presiedere uno “stato mafioso post-comunista”, in cui i media sono dominati dai suoi alleati, i tribunali sono pieni di suoi lealisti, la mappa elettorale manipolata a favore del suo partito di destra Fidesz e una rete di cleptocratici il patronato risale al primo ministro.

Poi c’è la sua politica: Orban si definisce il grande illiberale del continente e si erge incessantemente sui mali percepiti dell’immigrazione, del multiculturalismo, del femminismo e dell’integrazione europea. È stato più volte accusato di divulgare antisemitismo, islamofobia, omofobia e sentimenti anti-rom. Una nuova legge ungherese anti-LGBTQ ha così irritato le controparti europee di Orban che il primo ministro olandese Mark Rutte ha dichiarato in una recente riunione dei leader dell’UE che l’Ungheria dovrebbe lasciare il blocco se non può rispettare i diritti degli omosessuali. Come al solito, Orban si è fatto beffe del rimprovero morale , condannando l'”approccio coloniale” di Rutte.

Il quadro è diventato ancora più torbido sulla scia delle rivelazioni tentacolari del Progetto Pegasus. Il Washington Post, insieme ad altri 16 media partner in tutto il mondo, è stato in grado di scoprire come lo spyware di livello militare prodotto dal gruppo NSO, un’azienda israeliana, è stato utilizzato per tenere traccia di numerosi dissidenti, giornalisti, attivisti per i diritti umani e influenti politici e uomini d’affari in più di 50 paesi. (NSO ha affermato di non avere “alcuna conoscenza” delle attività di intelligence dei clienti e in seguito si è impegnata a indagare su potenziali casi di violazioni dei diritti umani.)

Dei 37 smartphone che i giornalisti investigativi hanno stabilito essere stati presi di mira dallo spyware Pegasus – che funziona in modo invisibile e può essere utilizzato per una miriade di scopi, tra cui leggere i messaggi e le e-mail del bersaglio, tracciare i suoi movimenti, accendere di nascosto la fotocamera del telefono e intercettare le loro chiamate – almeno cinque appartenevano a individui in Ungheria. Inoltre, più di 300 numeri di telefono ungheresi sono comparsi su un elenco di circa 50.000 numeri di smartphone che includeva alcuni selezionati per la sorveglianza utilizzando Pegasus, la tecnologia sviluppata da NSO e concessa in licenza a governi stranieri.

L’Ungheria si trova in notevole compagnia. Il Marocco e la più grande democrazia del mondo in India sono tra quelli ora sotto esame per aver apparentemente usato questa tecnologia sui giornalisti. (Entrambi i paesi hanno affermato che tutta la sorveglianza è conforme alle rispettive leggi.) Per Budapest, la situazione potrebbe portare a un’altra resa dei conti con Bruxelles, poiché il suo apparente uso di questi metodi di sorveglianza è “una presa in giro delle ampie protezioni della privacy digitale dell’Unione Europea”.

“Sebbene i numeri ungheresi rappresentino una piccola parte del totale, si distinguono perché l’Ungheria è un membro dell’Unione Europea, dove la privacy dovrebbe essere un diritto fondamentale e un valore sociale fondamentale e dove le tutele per giornalisti, politici dell’opposizione e avvocati sono teoricamente forti”, hanno spiegato . “Ma in Ungheria, Polonia, Slovenia e altrove in Europa, alcune di queste garanzie vengono annullate e a Budapest, tale ripristino è stato accompagnato dall’uso di uno strumento di spionaggio insolitamente potente”.

Gli obiettivi ungheresi includono importanti giornalisti indipendenti Szabolcs Panyi e Andras Szabo. “Sono trattati come una minaccia, come una spia russa, un terrorista o un mafioso”, ha detto Panyi, un partner nelle indagini e un giornalista ostinato noto per la sua audace copertura del governo di Orban. L’esame forense del suo telefono ha rivelato che era stato compromesso più volte dallo spyware Pegasus.

Il ministro degli Esteri ungherese ha negato l’uso di questa tecnologia nella sorveglianza dei civili. In una conferenza stampa lunedì, il ministro della giustizia ungherese Judit Varga è stato un po’ più evasivo. “L’Ungheria è uno stato governato dallo stato di diritto e, come ogni stato decente, nel 21° secolo ha i mezzi tecnici per svolgere i suoi compiti di sicurezza nazionale”, ha detto ai giornalisti . “Sarebbe un problema serio se non avessimo questi strumenti, ma vengono utilizzati in modo lecito”.