Molise. Campobasso continua lo sciame sismico

Molise. Campobasso continua lo sciame sismico

Il Molise è ancora sotto paura dopo lo sciame sismico che ha colpito la zona da cinque giorni a questa parte. Ogni notte gli abitanti di tutta la regione ma soprattutto di Campobasso hanno sentito tremare la terra. Le scosse sono di circa 3.1 di magnitudo. La situazione non è grave solo sotto l’aspetto delle scosse, che seppur lievi sono spaventose, ma anche dall’arrivo della neve. Baranello sopratutto pare essere estremamente colpito dal disagio.

Paolo Frattura, ha invitato i sindaci a tenere chiuse le scuole nella giornata di lunedì. “E’ una sollecitazione condivisa – ha spiegato – con il nostro servizio di Protezione Civile e il direttore Gino Cardarelli”.

Le scosse sono state sentite insieme ad un forte boato, avvertita in maniera netta nel capoluogo. IL grande spavento ha colpito soprattutto nei piani alti dei palazzi. Subito dopo la prima scossa moltissima gente si è messa per strada, nonostante le temperature rigidissime. Sono davvero innumerevoli le chiamate ai Vigili del Fuoco di Campobasso ma al momento nessuna segnalazione di danni: è quanto riferiscono dalla sala operativa del capoluogo regionale del Molise.

Ci sono state altre scosse di terremoto nella zona dopo quella più forte avvenuta pochi minuti prima delle 20. Altri cinque eventi nel giro di un’ora, il più intenso alle 21 con magnitudo 3.4. Nel complesso oggi le scosse sono state 12. Sono intanto in corso verifiche da parte delle forze dell’ordine e della Protezione Civile per verificare eventuali danni.


Articoli correlati

Sanzione da 4.400.000 euro a Fastweb per pubblicità ingannevole sulla fibra ottica

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, nella sua adunanza dell’11 aprile 2018, ha sanzionato per una pratica commerciale scorretta

Affitto estivo, il 50% sono in nero

Andare in vacanza in Salento può essere un problema se si incontra un proprietario delle cosiddette “case pollaio”, delle abitazioni

Pasqua. Allarme alto per terrorismo a Roma

Ora in Italia non è più un ricercato e a Tunisi i parenti si indignano: «Ma quale terrorista! È sempre