Maltempo, Autobrennero chiusa per neve in Alto Adige

Maltempo, Autobrennero chiusa per neve in Alto Adige

Caos neve in Alto Adige. Il tratto di autostrada A22 del Brennero tra Chiusa e il Brennero, in direzione nord, resta chiuso al traffico da stamani intorno alle 8. Una prima chiusura temporanea era già stata effettuata dall’Autobrennero ieri in giornata nel tratto vicino al confine di Stato, per fare defluire i mezzi pesanti. Dal tardo pomeriggio di ieri poi si è nuovamente formata una lunga coda, arrivata a sera a 12 chilometri e rimasta tale per l’intera notte. Sono state tra l’altro segnalate fino alle 9 ancora nevicate dal Brennero fino all’altezza di Egna. La centrale del traffico di Bolzano segnala inoltre che il traffico è bloccato anche sulla statale del Brennero, a causa di mezzi pesanti bloccati, così come è stata chiusa invece per questioni di sicurezza tra Vipiteno e il Brennero. Analoghe chiusure riguardano le statali del passo Stelvio, del passo Rombo, di Gomagoi-Solda, le provinciali di Burgusio Slingia, di Bressanone- Velturno.

Una valanga ha investito l’autostrada del Brennero nei pressi del confine di Stato. Non vi sono feriti. La slavina si è staccata da un pendio che sovrasta l’A22 al chilometro 5. In quel tratto l’autostrada è attualmente chiusa in entrambe le direzioni

Vipiteno, l’ultima città dell’Alto Adige prima del valico del Brennero, nelle scorse ore sono caduti 65 centimetri di neve. Questa mattina il Giornale radio delle 7.20 della Rai di Bolzano non è andato in onda perché i tecnici sono rimasti bloccati per strada e non hanno potuto raggiungere la redazione.

“Mia moglie e i miei due figli da 12 ore sono fermi in autostrada del Brennero, a una ventina di chilometri dal valico. In tutte queste ore non hanno visto un lampeggiante, sia blu oppure giallo”. Lo racconta all’ANSA Riccardo Del Bene. L’infermiere vive a Garmisch, in Germania, e ieri sera attendeva sua moglie e i figli (una ragazza di 12 e un maschio di 15 anni) che alle ore 15 erano partiti da Pesaro. “Di solito – spiega – in 6 ore sono qui. Dalle 20.48 sono fermi in coda sotto la neve. Abbiamo chiamato tutti i numeri di emergenza, ma finora non hanno visto anima viva”. “Mi chiedo se devono morire in auto”, si sfoga Del Bene.

 “La situazione in autostrada del Brennero è stata causata da numerosi mezzi pesanti non attrezzati, che sono scivolati e si sono messi di traverso. Da 24 ore 200 uomini sono ininterrottamente in servizio”. Lo dice all’ANSA il direttore tecnico generale dell’A22 Carlo Costa. “Per raggiungere i tir bloccati, dobbiamo intervenire contromano e tirarli fuori uno ad uno, a mano con la pala. Ci sono mezzi con gomme lisce e addirittura senza gancio di traino”, prosegue Costa. “La protezione civile è stata allertata ieri sera alle 22.30, che ha gli stessi problemi a raggiungere gli automobilisti”. La situazione – spiega – è stata causata dal blocco dei tir del fine settimana in Austria, che è scattato ieri alle 22. “I camionisti – prosegue – fanno di tutto per arrivare al valico prima che scatti il blocco. Sorpassano nonostante il divieto e restano bloccati, vanno sulla strada statale e restano fermi anche lì. Nel frattempo continua a nevicare, ma i nostri mezzi non possono pulire la strada. In direzione sud, dove non ci sono divieti, infatti non abbiamo avuto problemi”, conclude Costa.

Serata e nottata impegnative per le forze di intervento in Alto Adige. Le squadre dei vigili del Fuoco sono state fortemente impegnate a causa delle nevicate che si sono abbattute su tutto il territorio. Nella città di Bolzano sono stati svolti circa una settantina di interventi da parte dei vigili del fuoco del corpo permanente, supportati dai vigili del fuoco volontari che a causa degli alberi appesantiti dalla neve e dei i mezzi pesanti bloccati sulle carreggiate sono dovuti intervenire


Articoli correlati

Diritti sulle vendite successive: l’autore dell’opera non paga Iva

La vicenda ha avuto origine da una lettera di diffida inviata dalla Commissione europea alla Repubblica d’Austria, relativa alla prassi

Riforma della Scuola. Approvate 100 mila assunzioni

Il ministro dell’Istruzione Stefania Giannini ha comunicato che il governo accetta la soppressione dell’articolo 17 della proposta di legge di riforma

Cern. Al via i test per scoprire la materia oscura

Ginevra, 3 giugno – Al centro di ricerca LHC Cern di Ginevra, Svizzera, sono iniziate le collisioni di particelle subatomiche