Trizio Consulting

Iran. Ebrahim Raisi: linea dura sull’accordo nucleare

Iran. Ebrahim Raisi: linea dura sull’accordo nucleare
Trizio Consulting

Il neoeletto presidente iraniano ha comunicato che il suo governo adotterà una linea più dura con i negoziati sull’accordo nucleare del 2015 firmato da Teheran con le potenze mondiali dopo che la sua vittoria alle urne ha consegnato agli estremisti il ​​pieno controllo dello stato. 

Ebrahim Raisi, un religioso conservatore e capo della magistratura iraniana, ha detto ai giornalisti che il suo governo non avrebbe “negoziato per il bene dei negoziati in se” e ha escluso qualsiasi incontro con il presidente degli Stati Uniti Joe Biden.

“La nostra politica estera non inizia con il JCPOA e non finisce con il JCPOA”, ha detto Raisi ai giornalisti durante la sua prima conferenza stampa dopo la sua schiacciante vittoria. “Sosterremo qualsiasi negoziato che soddisfi i nostri interessi nazionali. Ma non legheremo la situazione economica ei mezzi di sussistenza delle persone a questi colloqui. Non lasceremo che i colloqui si prolunghino”.

Tuttavia, ha suggerito che il suo governo, che entrerà in carica ad agosto, si sarebbe impegnato nell’accordo. Gli analisti affermano che la riduzione delle sanzioni sarà fondamentale per le speranze di Raisi di allentare la pressione economica sugli iraniani. 

La sua vittoria è stata segnata dalla più bassa affluenza alle urne presidenziali dalla rivoluzione del 1979, poiché più della metà degli elettori è rimasta a casa. 

Biden ha detto che si porterà avanti l’accordo, che l’amministrazione Trump ha abbandonato unilateralmente nel 2018, se l’Iran tornerà a confrontarsi dopo aver drasticamente aumentato la sua attività nucleare negli ultimi due anni. Il regime islamico ha insistito sul fatto che tutte le sanzioni statunitensi debbano essere prima revocate – e verificata la loro rimozione – prima di tornare agli impegni presi.

“Sono stati gli Stati Uniti a violare il JCPOA”, ha detto Raisi. “Insisto con gli Stati Uniti, siete voi che vi siete impegnati a rimuovere le sanzioni e non l’avete fatto”.

Il governo uscente del presidente Hassan Rouhani, artefice dell’accordo, ha da mesi colloqui con i restanti firmatari dell’accordo – Regno Unito, Francia, Germania, Cina e Russia – per aprire la strada al ritorno degli Stati Uniti e alla revoca delle sanzioni. Gli Stati Uniti sono stati osservatori ai colloqui, ma non direttamente coinvolti. 

Quando gli è stato chiesto se il suo governo sarebbe stato disposto a intrattenere negoziati diretti con l’amministrazione Biden, Raisi non ha dato una risposta esplicita, dicendo invece: “il mio serio suggerimento agli Stati Uniti è di mostrare onestà revocando le sanzioni”.

L’economia iraniana è precipitata in una profonda recessione dopo che Trump si è ritirato dall’accordo e ha imposto ondate di sanzioni alla repubblica islamica. Le misure punitive hanno paralizzato la capacità di esportare petrolio, la principale fonte di valuta forte dello stato, e hanno spinto l’inflazione sopra il 46 per cento quando il rial è crollato. La recessione è stata aggravata dalla crisi del coronavirus.

Raisi, che è ampiamente percepito come sostenuto dall’Ayatollah Ali Khamenei, il leader supremo, ha insistito sul fatto che il sostegno dell’Iran ai gruppi militanti in tutta la regione e lo sviluppo del suo programma missilistico sono “non negoziabili”.

L’amministrazione Biden subisce pressioni negli Stati Uniti e da Israele e dai suoi partner arabi, l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti, per espandere qualsiasi accordo con l’Iran per includere questi problemi. Dicono che Teheran destabilizza la regione e minaccia la sicurezza. L’Iran ribatte che il suo sostegno alle milizie e al suo arsenale missilistico sono deterrenti vitali. Qualsiasi decisione sulle principali questioni di politica estera è determinata da Khamenei. 

Le accuse sulla violazione di diritti umani a carico del presidente entrante rischiano di complicare ulteriormente le relazioni dell’Iran con l’occidente. “Come giurista, ho sempre difeso i diritti delle persone”, ha detto. “I diritti umani sono stati fondamentali per le mie responsabilità”.

Alessandro Trizio

Alessandro Trizio

Consulente Senior di bonifica reputazionale e crisis management. Ha studiato politica nazionale e geopolitica e vissuto in molti Paesi mediorientali dove ha approfondito i rapporti internazionali