Trizio Consulting

Haiti cerca di risollevarsi

Haiti cerca di risollevarsi
Trizio Consulting

Un’Haiti già in difficoltà si sta riprendendo dall’assassinio del presidente Jovenel Moïse seguito da uno scontro a fuoco in cui la polizia ha ucciso quattro dei sospettati di omicidio, ne ha arrestati altri due e liberato tre ufficiali tenuti in ostaggio.

I funzionari si sono impegnati a trovare tutti i responsabili dell’irruzione nella casa di Moïse prima dell’alba di mercoledì in cui è stato colpito a morte e sua moglie, Martine Moïse, gravemente ferita. È stata portata in aereo a Miami per le cure.

Il governo ha dichiarato lo stato di emergenza di due settimane per aiutarlo a dare la caccia agli assassini.

Il primo ministro ad interim, Claude Joseph, ha dichiarato alla televisione: “Chiedo calma. È tutto sotto controllo. Questo atto barbaro non resterà impunito».

Léon Charles, il direttore della polizia nazionale di Haiti, descrivendo l’uccisione e l’arresto dei sospetti ha detto: “Li abbiamo bloccati lungo il percorso mentre lasciavano la scena del crimine… Da allora, abbiamo combattuto con loro. Verranno uccisi o catturati. L’inseguimento dei mercenari continua. Il loro destino è fissato. Cadranno nei combattimenti o verranno arrestati”.

Moïse, un ex uomo d’affari di 53 anni è entrato in carica nel 2017.

Secondo nuovi dettagli emersi nei rapporti locali, gli aggressori hanno legato il personale mentre uno dei tre figli di Moïse è sopravvissuto nascondendosi nella camera da letto di suo fratello.

Moïse è stato colpito almeno una dozzina di volte ed è morto sul colpo, secondo Carl Henry Destin, un funzionario giudiziario, che ha affermato che l’ufficio e la camera da letto del presidente sono stati saccheggiati ed è stato trovato disteso sulla schiena, coperto di sangue.