Trizio Consulting

Germania, Francia e Italia sospendono l’uso del vaccino AstraZeneca

Germania, Francia e Italia sospendono l’uso del vaccino AstraZeneca
Trizio Consulting

Una raffica di sospensioni segue le segnalazioni secondo cui alcune persone hanno sviluppato coaguli di sangue dopo aver ricevuto la prima dose di vaccino.

Germania, Francia e Italia hanno sospeso l’uso del vaccino COVID-19 di AstraZeneca dopo diverse segnalazioni di coaguli di sangue nelle persone che hanno ricevuto l’iniezione.

La raffica di sospensioni di lunedì è arrivata dopo che numerosi altri paesi, principalmente in Europa, hanno interrotto le loro implementazioni alla fine della scorsa settimana.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha sostenuto l’uso del vaccino e ha affermato di non aver visto prove che l’iniezione abbia causato la coagulazione in alcune persone che l’hanno ricevuta. Sta esaminando i rapporti relativi alle somministrazioni e ha esortato i paesi a non sospendere le vaccinazioni.

La Germania è stata la prima a segnalare che avrebbe sospeso l’uso, con il ministro della salute del paese, Jens Spahn, che ha affermato che la sua decisione è stata presa su consiglio del regolatore nazionale dei vaccini, l’Istituto Paul Ehrlich.

L’istituto aveva chiesto ulteriori indagini su sette casi segnalati di coaguli nel cervello di persone che avevano ricevuto questa vaccinazione.

“La decisione di oggi è una misura puramente precauzionale”, ha detto Spahn.

Francia e Italia hanno annunciato la stessa decisione poco dopo.

Il presidente francese Emmanuel Macron ha affermato che l’uso del colpo di AstraZeneca sarà sospeso come misura precauzionale almeno fino a martedì pomeriggio, quando il regolatore dei medicinali dell’Unione europea – l’Agenzia europea per i medicinali (EMA) – emetterà la sua raccomandazione sul vaccino.

Macron non ha approfondito il ragionamento alla base della decisione, ma ha detto in una conferenza stampa che sperava che la Francia sarebbe stata in grado di vaccinare di nuovo con i colpi di AstraZeneca “presto”.

L’autorità italiana per i medicinali AIFA nel frattempo ha detto che sta implementando la propria sospensione come “misura cautelare e temporanea” in attesa delle decisioni dell’EMA.

L’annuncio ha fatto seguito al sequestro di centinaia di migliaia di dosi del vaccino da parte della procura italiana in Piemonte, dove un insegnante è morto in seguito alla sua vaccinazione.