Formazione docenti: al via il piano da 325 milioni

Formazione docenti: al via il piano da 325 milioni

Più risorse rispetto al passato, una maggiore qualità dei percorsi formativi, nove priorità nazionali di formazione individuate dal Ministero da declinare all’interno di percorsi personalizzati per ciascun docente. Sono le principali novità del Piano nazionale per la formazione degli insegnanti presentato il 3 ottobre 2016 dal Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Stefania Giannini.

Il Piano prevede un investimento di 325 milioni di euro per la formazione in servizio degli insegnanti, che diventa obbligatoria e permanente come previsto dalla legge Buona Scuola. Previste 9 priorità tematiche nazionali: Lingue straniere; Competenze digitali e nuovi ambienti per l’apprendimento; Scuola e lavoro; Autonomia didattica e organizzativa; Valutazione e miglioramento; Didattica per competenze e innovazione metodologica; Integrazione, competenze di cittadinanza e cittadinanza globale; Inclusione e disabilità; Coesione sociale e prevenzione del disagio giovanile.

Il Miur assume la regia nazionale della formazione: stabilisce le priorità, ripartisce le risorse, monitora i risultati delle attività, sviluppa accordi nazionali con partner della formazione. Le scuole, sulla base delle esigenze formative espresse dai singoli docenti attraverso i Piani individuali di formazione, progetteranno e organizzeranno, anche in reti di scuole, la formazione del personale. Ogni docente avrà un portfolio digitale che raccoglierà esperienze professionali, qualifiche, certificazioni, attività di ricerca e pubblicazioni, storia formativa. Le attività formative saranno incardinate nel Piano dell’Offerta e saranno perciò coerenti con il progetto didattico di ciascun istituto.

Sul sito del Miur le ulteriori informazioni.


Articoli correlati

Papa Francesco visiterà 3 località cubane a Settembre

Papa Francesco visiterà tre località in tutto durante la sua visita a Cuba a Settembre; lo ha riferito in una

Riforma della Scuola. Approvata la nuova legge alla Camera

Nella seduta odierna la Camera ha approvato, in via definitiva, il disegno di legge recante Riforma del sistema nazionale di

Il Presidente Mattarella ha firmato il decreto di scioglimento delle Camere

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, dopo aver sentito i Presidenti dei due rami del Parlamento, ai sensi dell’articolo 88