Formazione docenti: al via il piano da 325 milioni

Formazione docenti: al via il piano da 325 milioni

Più risorse rispetto al passato, una maggiore qualità dei percorsi formativi, nove priorità nazionali di formazione individuate dal Ministero da declinare all’interno di percorsi personalizzati per ciascun docente. Sono le principali novità del Piano nazionale per la formazione degli insegnanti presentato il 3 ottobre 2016 dal Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Stefania Giannini.

Il Piano prevede un investimento di 325 milioni di euro per la formazione in servizio degli insegnanti, che diventa obbligatoria e permanente come previsto dalla legge Buona Scuola. Previste 9 priorità tematiche nazionali: Lingue straniere; Competenze digitali e nuovi ambienti per l’apprendimento; Scuola e lavoro; Autonomia didattica e organizzativa; Valutazione e miglioramento; Didattica per competenze e innovazione metodologica; Integrazione, competenze di cittadinanza e cittadinanza globale; Inclusione e disabilità; Coesione sociale e prevenzione del disagio giovanile.

Il Miur assume la regia nazionale della formazione: stabilisce le priorità, ripartisce le risorse, monitora i risultati delle attività, sviluppa accordi nazionali con partner della formazione. Le scuole, sulla base delle esigenze formative espresse dai singoli docenti attraverso i Piani individuali di formazione, progetteranno e organizzeranno, anche in reti di scuole, la formazione del personale. Ogni docente avrà un portfolio digitale che raccoglierà esperienze professionali, qualifiche, certificazioni, attività di ricerca e pubblicazioni, storia formativa. Le attività formative saranno incardinate nel Piano dell’Offerta e saranno perciò coerenti con il progetto didattico di ciascun istituto.

Sul sito del Miur le ulteriori informazioni.


Articoli correlati

La pizza di Cracco costa 16 euro e non piace ai napoletani

La pizza da ‘Cracco’ in Galleria Vittorio Emanuele a Milano, ristorante del famoso chef, inaugurato il 20 febbraio scorso, propone una versione rivisitata

Irpef, una persona su due non paga

Un italiano su due versa allo Stato una cifra che non basta neppure a coprire la propria spesa sanitaria. I

Thailandia. Quali sono le difficoltà nel salvare i bambini

Sono da più di dieci giorni intrappolati in una galleria sotterranea insieme al loro maestro di calcio, sono i dodici