Trizio Consulting

Come il COVID-19 cambierà il futuro energetico dell’Asia

Come il COVID-19 cambierà il futuro energetico dell’Asia
Trizio Consulting

Mentre la pandemia globale di coronavirus continua ad avere significativi impatti politici ed economici a livello macroscopico sull’Asia e sul mondo in generale, è anche probabile che influenzi le industrie chiave in modo profondo. Tra i settori più importanti da tenere d’occhio c’è il regno dell’energia, in cui COVID-19 potrebbe rimodellare le interazioni tra vari attori su diversi livelli nella regione con effetti a catena per la geopolitica in generale.

Negli ultimi anni, il futuro energetico dell’Asia è stato guidato da una serie di tendenze più ampie a lungo termine. Questi includono l’ascesa delle maggiori economie asiatiche che hanno alimentato la domanda di energia, la diffusione delle tecnologie energetiche e la crescente consapevolezza da parte dei governi della necessità di gestire le emissioni di carbonio anche mentre perseguono la crescita economica. Lungo la strada, abbiamo anche visto una serie di notevoli cambiamenti che hanno influenzato queste dinamiche, tra cui il recente boom dello scisto negli Stati Uniti e le fluttuazioni dei prezzi del petrolio.

Visto da questa prospettiva, COVID-19 è solo uno tra una serie di sviluppi che daranno forma al panorama energetico asiatico. Vale la pena notare che COVID-19 sta anche interagendo con molte altre tendenze e sviluppi che si verificano simultaneamente o contemporaneamente, tra cui il crollo dei prezzi del petrolio, l’aumento delle tensioni USA-Cina, crescente stress sulle istituzioni regionali e internazionali, percezioni di rollback democratico, attrito tra alcuni importanti produttori di energia e una recessione finanziaria globale, che il Fondo Monetario Internazionale (FMI) prevede sarà la peggiore dopo la Grande Depressione .

Finora l’attenzione si è concentrata sugli impatti diretti a breve termine di COVID-19 sul settore energetico, sia che si tratti di manifestazioni visibili del crollo del consumo globale di energia che hanno influenzato la regione o gli effetti su particolari forme di energia come l’energia idroelettrica nei principali mercati asiatici. Sebbene ciò sia comprensibile, la domanda più consequenziale è come COVID-19 influenzerà alcuni degli aspetti a più lungo termine del futuro energetico dell’Asia. Ciò a sua volta ci impone di guardare più in profondità a diversi livelli in tutta la regione per avere un’idea di quali potrebbero essere i contorni principali della ricaduta.

Il primo posto da guardare è il livello subnazionale e il modo in cui COVID-19 può rimodellare le relazioni tra lo stato, il mercato e l’individuo. Da un lato, il coronavirus e la gestione della pandemia possono mettere a dura prova alcuni punti di pressione che esistono all’interno dei patti sociali dei paesi. Questa è una preoccupazione particolarmente diffusa nelle parti densamente popolate o estremamente rurali dei paesi in via di sviluppo nel sud e sud-est asiatico, dove le risposte a COVID-19 come il distanziamento sociale e il telelavoro possono essere difficili da mettere in pratica. La prosperità complessiva dell’Asia può a volte accecare gli osservatori delle disuguaglianze e delle inadeguatezze che rimangono all’interno dei paesi, con un esempio della mancanza di elettricità che colpisce oltre 300 milioni di persone in tutta l’Asia per la Commissione economica e sociale delle Nazioni Unite per l’Asia e il Pacifico (UNESCAP).

D’altra parte, la pandemia di coronavirus potrebbe anche potenziare le ricalibrazioni in corso anche in queste relazioni. Ad esempio, mentre il futuro rimane ancora poco chiaro, un’area da guardare è come le compagnie petrolifere nazionali (NOC) saranno influenzate da questo contesto, compresa la misura in cui alcune di queste società in Cina e nei paesi del sud-est asiatico come la Thailandia e la Malesia potrebbero sfruttare le opportunità globali che sono alla loro portata in questo ambiente rispetto ai loro concorrenti.

Passando a livello nazionale, una domanda chiave è l’impatto di COVID-19 sui mix energetici nelle economie asiatiche. Particolarmente degno di nota a questo proposito saranno le dinamiche delle economie emergenti ad alta intensità energetica, come l’ India e la Cina, dove le decisioni odierne, che si tratti di rinviare progetti chiave o casi di commutazione dell’energia, possono plasmare traiettorie per gli anni a venire. Tali decisioni saranno modellate dai governi che stanno lottando per bilanciare la risposta alle ricadute immediate del coronavirus, pensando anche al futuro a lungo termine dei loro paesi.

Ma un’ulteriore dinamica sono gli effetti del coronavirus sulla pianificazione energetica e una governance più ampia nei paesi dipendenti dall’energia. Mentre tirano fuori tutte le tappe, nazioni come la Mongolia e il Brunei hanno già dovuto adeguare le loro prospettive politiche ed economiche per spiegare in parte le dinamiche relative a COVID-19. Questi paesi potrebbero affrontare future sfide che potrebbero influenzare non solo il loro ambiente politico interno ma anche le loro larghezze di banda per impegnarsi nel mondo.

Il livello regionale sarà anche importante da guardare per valutare le implicazioni per il panorama energetico asiatico tra COVID-19. Parte dell’attenzione sarà focalizzata sui modelli di collaborazione – che si svolgano in modo bilaterale, minilaterale o multilaterale – che si tratti della cooperazione energetica attraverso meccanismi guidati dall’ASEAN , della traiettoria della Belt and Road Initiative cinese nella regione o anche di impegni occasionali che coinvolgono altre configurazioni come Quad (che raggruppa Australia, Stati Uniti, India e Giappone) o Quad-Plus.

Ma sarà importante prestare attenzione anche agli effetti di COVID-19 sulla dinamica competitiva. Ad esempio, il coronavirus e le sue ricadute potrebbero aumentare la salienza dei punti di infiammabilità regionali come nel Mar Cinese Orientale e Meridionale, dove abbiamo già visto un certo scuotimento di sciabole legato all’esplorazione energetica che coinvolge in particolare Cina, Giappone, Malesia e Vietnam. COVID-19 potrebbe anche influenzare indirettamente le dinamiche competitive regionali, come evidenziato dagli effetti che sta già avendo sui budget, gli acquisti, gli allineamenti, gli impegni e le priorità della difesa dei principali paesi asiatici per il 2020 e oltre.

Infine, è probabile che COVID-19 rafforzi anche l’importanza del dominio globale, che influisce anche sul futuro del panorama energetico asiatico. Naturalmente, una parte dell’attenzione sarà focalizzata su ampie tendenze geopolitiche , tra cui lo stato dell’economia globale, il prezzo del petrolio e lo stato del Medio Oriente, poiché queste variabili spesso generano effetti a catena molto al di là del dominio energetico. Sebbene gli importatori di energia asiatici possano temporaneamente beneficiare di alcune dinamiche COVID-19 a breve termine, alcuni di essi sono ancora fortemente dipendenti dalla fonte mediorientale e che la dipendenza non sarà facile da eliminare sostanzialmente in fretta.

Ma più in generale, presta attenzione a come queste dinamiche modellano le prospettive internazionali su questioni a più lungo termine. L’aspetto più importante è il cambiamento climatico, che continua a incombere anche per il futuro dell’Asia. Mentre il coronavirus servirebbe idealmente da campanello d’allarme per i paesi per accelerare gli sforzi della politica climatica prima che una crisi indotta dal clima creasse uno shock globale di portata ancora maggiore, a breve termine, la ricaduta di COVID-19 potrebbe anche rallentare alcuni dei slancio verso un futuro energetico più pulito .

A dire il vero, con gli effetti della pandemia di coronavirus globale ancora in atto nell’Asia-Pacifico e così tante incognite ancora in gioco, è difficile indicare un momento specifico in cui gli esatti impatti di COVID-19 sulla dinamica energetica diventeranno del tutto chiaro. E dato il fatto che la pandemia sta interagendo con così tante dinamiche diverse e sta avendo conseguenze anche in vari domini, potrebbe volerci un po ‘prima che la polvere si depositi e alcuni dei suoi effetti potrebbero non essere visti fino a quando la riflessione non si spinge più in basso. Tuttavia, alcune delle dinamiche che abbiamo visto finora possono almeno fornirci un senso di dove cercare e cosa cercare in mezzo all’ultima crisi per afferrare la regione e il mondo.

Articolo liberamente tradotto da uno scritto del dottor Prashanth Parameswaran 

Giorgio Muscas

Giorgio Muscas

Esperto in criptovalute mi dedico all'economia e alla politica. Il giornalismo è la mia vera passione